fermoposta.it → inviati dalle band
Migliora leggibilitàStampa
15 dicembre 2015

Suz

LACEWORK

9 ottobre 2015 - Irma Records / Self

Suz LACEWORKTerzo album per la bolognese Suz, nome d'arte della cantante Susanna La Polla, che ha composto tutti i brani insieme a Ezra Capogna che ha svolto anche il ruolo di produttore. Il lavoro è stato registrato, come i precedenti, negli studi torinesi No.Mad. Le canzoni sono state composte al pianoforte, strumento utilizzato qui per la prima volta nei dischi di Suz, e poi sono state aggiunte le sonorità elettroniche e le percussioni, perlopiù drum machine. Il titolo del disco “Lacework” vuol dire merletti, elementi centrali nel bell'artwork del cd, ma anche legami, intrecci, e gran parte dei testi fa riferimento proprio ai diversi tipi di legami che incontriamo nel corso della vita. Il disco, dal punto di vista dello stile musicale, si muove lungo le linee di un trip hop molto cool e raffinato, ma non freddo, a dare calore al tutto ci pensa anzitutto la voce di Suz, forse non molto estesa, ma capace, pur privilegiando uno stile ipnotico e monocorde, di modulare il canto colorandolo della passionalità del soul. Siamo dalle parti di Bristol, ma più versante Morcheeba che Lamb.

 

Dieci i brani in una scaletta forse fin troppo lineare, e nella quale spiccano i momenti di maggiore oscurità e inquietudine: Wall of Mist ha l'ampiezza e l'apertura del dub con i bassi da dancehall, Wide Blue Yonder conquista con la sua misteriosa atmosfera orientaleggiante e la sinuosa e languida sensualità, mentre in Lethe è il pianoforte in primo piano che punteggia di note gravi il brano su una nevrotica batteria elettronica. Da segnalare anche la notturna e misteriosa King of Fools e la conturbante e inquieta Anthemusa, mentre Taste of Gold spicca per le tessiture elettroniche rumorose che ne fanno il brano più disturbato. “Lacework” ha i numeri per conquistare chi ama un pop che ha nello stile, nelle atmosfere eleganti e un po' oscure e nella voce femminile il suo punto di forza.

Ignazio Gulotta

Official       Social    

Irma Records     


Audio

Inizio pagina