fermoposta.it → inviati dalle band
Migliora leggibilitàStampa
27 aprile 2013

Alì

LA RIVOLUZIONE NEL MONOLOCALE

2013 - La Vigna Dischi

aliUn altro cantautore si affaccia sull'affollata scena indie italiana. Il suo nome è Stefano, il cognome è Alì e come tiene a precisare non ha niente a che vedere col famoso Cassius Clay. Viene da Catania, terra di talenti, Carmen Consoli per dire ma soprattutto Franco Battiato. Il titolo del suo disco è assai impegnativo "La rivoluzione nel monolocale", la copertina è desolante, un gigantesco  blocco di cemento da periferia suburbana, davvero brutto, ma il disco non è molto meglio. Un album che appartiene a quella categoria di dischi che sentito un pezzo li hai sentiti tutti. La voce monocorde non aiuta Alì, il suo tono sommesso e la sua scarsa estensione finiscono per appiattire il disco che al pari della copertina appare un unico blocco granitico dal quale scindere o salvare qualcosa appare impresa disperata. I testi per un titolo così non sono poi così aggressivi e cattivi. Cito: " alla tv programmi demenziali, ci disegnano le sorti del belpaese", oppure l'attualità in "e quieto aspetto ormai l'aumento dello spread, l'affitto e la recessione". Più rassegnazione insomma che rabbia. In sintonia dunque con l'andamento malinconico-depresso di cui è cosparso questo disco. Inutile citare un pezzo o l'altro, fa poca differenza, e la produzione di Lorenzo Urciullo (Colapesce) non riesce a fare miracoli. C'è pure una cover di Paolo Conte, Il miglior sorriso della mia faccia ed almeno quella Stefano poteva risparmiarcela. Un disco che scivola via senza emozionare.

 

Ricardo Martillos

Uscita: 19 Gennaio 2013  

 

La Vigna Dischi


Audio

Inizio pagina