fermoposta.it → inviati dalle band
Migliora leggibilitàStampa
10 maggio 2013 ,

Divanofobia

I FANTASMI BACIALI

Uscita: 10 Maggio 2013 - A Buzz Supreme

divanofobia-musica-i-fantasmi-bacialiSono quattro giovani bolognesi  i componenti di questa band denominata in maniera bizzarra Divanofobia. Andrea Lorenzoni ha scritto tutti i testi del disco, "I fantasmi baciali", loro esordio in assoluto sulla lunga distanza dopo un sei ed un quattro tracce nel 2011 e 2012. "I fantasmi baciali" nelle intenzioni del gruppo sarebbe una specie di esortazione a vincere le paure e le debolezza. Ma qui il coraggio ci vuole soprattutto a sentire il disco per intero: ok, le nuove proposte andrebbero incoraggiate ma con tutta la buona volontà è difficile essere teneri dopo l'ascolto di questi solchi. Bastano le note della prima traccia, Non farti corrompere, per capire di che pasta sono fatte le proposte: il solito scialbo rock melodico che purtroppo ha fatto tanti proseliti nel nostro paese, suoni puliti ma idee poche, pochissime. L'ascolto del disco prosegue senza sussulti, le coordinate spesso sono quelle del Moltheni affermato cantautore: Compagna con figli, con echi pure di Battisti con quel "ciao come stai?" ed inserti lirici in spagnolo sono del tutto fuori luogo. I testi dell'album non si sa dove vogliono andare a parare, frasi tipo "a Brescia ritorna la poesia", ma la poesia di chi? Oppure "mi rifugio nell'eremo, birra e Phil Collins", andiamo bene! Se l'obiettivo finale era la poesia che incontra il rock qui siamo decisamente fuori binario, al deragliamento puro. Fidia con voce e chitarra ha perlomeno il pregio di essere una breve e discreta canzone di tipico stampo cantautoriale  ma appare come una goccia in un mare grigio scuro. Il solito lavoro di produzione molto pulito non basta al solito a coprire o mascherare una mancanza di idee davvero impressionante. Se il divano è per tradizione il posto dove farsi una bella dormita allora il nome della formazione bolognese appare decisamente azzeccato dopo l'ascolto di questi 35 interminabili minuti. 

 

Ricardo Martillos

Video

Inizio pagina