fermoposta.it → inviati dalle band
Migliora leggibilitàStampa
15 gennaio 2017 , ,

Hurz

HURZ

8 aprile 2016 - Le Mat Records

«In HURZ leniamo la nostalgia di epoche mai vissute in perenne fuga dal presente tra allegria e dolore, eleganza e mostruosità. Simboli, fobie, sogni, sconfitte, inquietudini, aspirazioni, sogni, psicosi; quello che vedrete, quello che ascolterete vive già in voi»

Atmosfere decadenti, sonorità elettro, enigmatici riferimenti epici e simbologia. Un incedere enfatico, a tratti liturgico, prende a braccetto l'elaborazione minimale e misurata del canovaccio narrativo dell'opera prima della formazione romana degli Hurz. Talentuosi polistrumentisti legati all'underground-doom capitolino, Nicola Rossi, Sergio Oriente e Nicola Irace disegnano suggestive ed imbambolate elucubrazioni sonore di matrice ambient all'interno di una track-list suddivisa in due sezioni distinte (Tragoedia e Symbolum) imperniate sul tema del dualismo umano. Drammi sofoclei (l'indovinello della Sfinge de Il nodo) e leggende auree (San Giorgio e il drago) caratterizzano il primo atto di “Hurz” sintetizzando il lato tragico del contrasto sin dai tempi dell'antica Grecia.

 

Altresì, è l'analisi delle genesi di simbologie occulte a conquistare il centro del proscenio nella seconda parte suggellando, attraverso ossessive pulsazioni astrali (L'amoureux – L'heure de la choulette e Todestrieb – Vargtimmen) e marziali orazioni in odor orwelliano (1+1=3), una visionaria recita che sollecita imprescindibili riflessioni ed esorta al superamento di ogni realistica visione dualistica. Seppur necessiti di ascolti attenti, convince in toto questo esordio discografico; Hurz-Band-2intriso di molteplici sfaccettature, Hurz è uno spiazzante puzzle sonoro distante dagli usuali clichè di genere e soprattutto dalle logiche artistiche primordiali della band stessa. Tessuti neo-folk, sequenze new wave e krautrock, teatralità prog si intrecciano nell'ordito ambient di un progetto che pur strizzando l'occhio ad echi del passato appare saldamente proiettato nel futuro. Buona la prima!  

 

Alessandro Freschi

Social    


Audio

Video

Inizio pagina