fermoposta.it → inviati dalle band
Migliora leggibilitàStampa
29 marzo 2013 , , ,

DFB

CANZONI IN SALITA

2013 - Bombanella Records

dfbDFB  (Daniele Faraotti Band) è una realtà musicale bolognese che si prende cura di sonorità accattivanti, modellate in  eleganti vesti che camminano in punta di piedi in una sfilata sonora ricca di richiami psichedelici. Un trio di musicisti preparati, capitanati da Daniele Faraotti: cantante, chitarrista e compositore, collaboratore di artisti di rilevante importanza, quali Patty Pravo e Claudio Lolli. La direzione musicale si muove attraverso strade tortuose di Alt-Rock contaminato da sterzate Progressive ricche di sfumature geniali. Tutto questo si dirama nervosamente in una decina di brani, che si collegano perfettamente tra loro, permettendo alle sviolinate vocali di incastrarsi totalmente con i vari stop n' go strumentali. Una sezione ritmica claustrofobica, che non si ferma un attimo, devastando copiosamente le melodie Beatlesiane, sognanti e desertiche. Un calderone di oppiacei uditivi senza una logica apparente, ma disegnati come un quadro di un pittore che rievoca paesaggi 70's suggestivi. Un senso di benessere che porta a un ascolto continuo, senza distrazioni, fino a farti digerire ogni singola nota. A venir fuori alla fine è un mosaico perfetto di stranezze che si muovono senza strofe e senza ritornelli, facendo in modo che gli schemi perdano importanza e creando un'improvvisazione suggestiva e roboante. Un cantautorato di raffinato Pop, suonato in modo non convenzionale, dove viene messo in mezzo di tutto: fiati, violini e theremin. Una passeggiata in assenza di gravità mano nella mano con un rock sperimentale che ci accompagna in luoghi sconosciuti e abitati da note colorate che si perdono come folletti nella notte, come in Tram Golem (A Dario Fo). Una musica in salita (come dice il titolo stesso ), che va ascoltata con la rincorsa giusta. Un prodotto che segnaliamo con piacere, sperando in un ritorno in grande di un certo Progressive-Rock italiano che mancava da troppo tempo.

 

Luca Fiorucci

Video

Inizio pagina