fermoposta.it → inviati dalle band
Migliora leggibilitàStampa
19 marzo 2014 ,

Maybe I’m

BWA KAYMAN

2014 - Jestrai Records

maybe i'm

I Maybe I’m sono tornati e si confermano band tra le più originali in circolazione. Il nuovo disco dal  titolo quasi impronunciabile -“Bwa Kayman”- riprende il nome di un antico rito voodoo dell'epoca schiavista in America. Tema evidentemente caro alla band, tanto da costituire l’impalcatura (e il senso stesso) dell’intero disco. Bwa Kayman è un nome simbolico, che rende bene l'idea che i Maybe I’m avevano in mente con questo nuovo lavoro: mischiare improvvisazione, punk, blues sporco delle origini, sonorità afro, in un percorso sonoro purificatore. Il risultato è davvero affascinante perchè il duo (anche se nel disco ci sono diverse guest) di Salerno riesce a creare interesse e originalità pur riproponendo generi straconosciuti. Non c'è ricercatezza o eleganza particolare, si va dritti al punto in Bwa Kayman, fin dalle registrazioni fatte in presa diretta (e si sente). Il lavoro così si presenta verace e vulcanico, grezzo, con brevi tratti di psichedelia e attimi hardcore/postcore, fino ad arrivare a brani che sembrano dei moderni (ma neanche tanto) riti mistici e ipnotici (Tutto quello che Sai è Falso, Sele). La vocalità con la cadenza tipica dei rituali sacri o profani ed un mix senza soluzione di continuità di italiano, inglese e francese, rende il tutto ancora più marcato e surreale. E' una cerimonia  quella dei Maybe I'm, che si snoda per tutto l'arco del disco, facendo diventare l’album un concept vero e proprio. A smorzare l’atmosfera sofferente, quasi soffocante in alcuni episodi, entra irruento e fantasioso in otto pezzi (tra cui Education of Young Citizen, tra i migliori dell’intero album e Damballah Wedo), il sax di Andrea Caprara (Squarciacicatrici, Tsigoti). I Maybe I’m ci regalano un gran bel disco, tra i migliori usciti in questo inizio 2014.

Sisco Montalto

Uscita: 14 Marzo 2014 

 

Maybe I’m


Audio

Inizio pagina