fermoposta.it → inviati dalle band
Migliora leggibilitàStampa
5 agosto 2016 ,

Heathens

ALPHA

5 febbraio 2016 - Irma Records

Quartetto di musica elettronica guidato dai fratelli Mattia e Lorenzo Dal Pan, entrambi tastieristi e cantanti, e completato dal tastierista Matteo Valt e dal chitarrista Federico Dallo, gli Heathens offrono in questo loro “Alpha” un interessante sound a cavallo tra la new-wave dei Depeche Mode e le marziali solennità industriali degli In the nursery, con in più la caratteristica voce scura e cavernosa a metà tra Nick Cave e i Controlled Bleeding, di George Koulermos (a.k.a. Y:Dk), che dà quel qualcosa in più come ospite nella opener Empty House.

Interessante notare che dietro al mixer troviamo una figura già nota a chi segue con attenzione le recensioni di Distorsioni del variegato universo indie italiano: si tratta di Tommaso Mantelli, che con i suoi Captain Mantell dà vita a un ghiotto progetto musicale tra prog, art-rock, new-wave e rock decadente. E, in effetti, pur essendo due mondi lontani anni luce, l’elettronica degli Heathens e il bizzarro rock’n’roll in salsa post-prog dei Captain Mantell, si riesce a percepire, in qualche modo, un fil rouge che collega questi due gruppi. Ad arricchire ulteriormente la tavolozza sonora degli Heathens, in The dust l’arrivo di una voce femminile, quella di Anna Carazzal, e di un piano elettrico distorto, ci proiettano persino per qualche attimo nell’universo surreale di Bjork, dando vita a uno degli episodi più avvolgenti e più riusciti dell’intera opera. Il rumorismo di In limbo, invece, altro capitolo affascinante del disco, ci fa persino remotamente pensare a una specie di Laibach in salsa trip-hop, per quanto assurdo possa sembrare il connubio.

Un album certamente tutt’altro che “facile”, ma che entra sempre di più, ascolto dopo ascolto, fino ad arrivare al cuore.

Alberto Sgarlato

Social      Irma Records   


Audio

Video

Inizio pagina