fermoposta.it → inviati dalle band
Migliora leggibilitàStampa
21 dicembre 2016 ,

Into My Plastic Bones

A SYMBOLIC TENNIS POT

17 ottobre 2016 - Scatti Vorticosi Records

Quinta fatica del trio torinese che insiste e scortica ginocchia e unghie pretenziose di suonare a “modino”, un album da trangugiare senza darsi troppe spiegazioni di come e perché ti sia arrivato alle orecchie, evidentemente bisognose di cotanto rumore per la serie: butta giù e zitto; sì lo so è amara ma vedrai che dopo starai meglio.

Dico questo perché la medicina in questione "A Symbolic Tennis Pot" è un album registrato su nastro, buona la prima, conserva appunto qualche piccola sbavatura, testimonianza genuina del “DIY” tutto d'un fiato e come se non bastasse, al missaggio ci troviamo quel bravo ragazzo di Bob Weston che dal suo studio di Chicago rende ancora di più tutto anni novanta, suoni secchi e taglienti, incastri tra noise e math-rock quanto basta per consigliare questo album non solo ai nostalgici, ma a chi abbia bisogno di scrostarsi le orecchie da suoni pomposi ed orpelli musicali che a lungo andare stuccano i padiglioni auricolari rendendoli insensibili, una bombetta alla crema rancida insomma da somministrare sotto prescrizione.

Lorenzo Vecchio

Audio

Inizio pagina