fermoposta.it → inviati dalle band
Migliora leggibilitàStampa
13 gennaio 2014

Martin Kleid

8LIGHTS

2013 - Dark Dimension

Martin Kleid (LIGHTSProvengono da Ancona i quattro componenti della band Martin Kleid, Sasha Polita voce, chitarra, programmino, Claudio Santoni Chitarra e synth, Francesco Pellegrinelli basso, Michele Bellagamba batteria. Ma i loro riferimenti musicali sono evidentemente Oltremanica, in particolare a quei musicisti che a partire dagli anni 80 hanno innestato sulle strutture del pop l’elettronica: gente come Wire, Human League, Talk Talk fino, per arrivare a tempi più recenti, ai Radiohead o agli Editors. Il britpop scorre nelle loro vene, cantano in inglese e riescono ad essere credibili, sfuggendo così alle eventuali accuse di scarsa originalità o, come si dice oggi, di essere derivativi. Questo perché i Martin Kleid hanno buone frecce al loro arco, innanzitutto l’abilità di scrittura che li porta a creare canzoni pop con ritornelli immediatamente accattivanti e che funzionano benissimo sia per essere ballate che per un ascolto più meditato. 

 

Si aggiungano a questo il canto, spesso punto debole delle band italiane, che si avvale della bella voce di Sasha Polita, a suo agio con l’inglese e l’efficacia degli arrangiamenti che uniscono con equilibrio le martellanti onde sonore elettroniche con una ritmica sostenuta di stampo decisamente rock e una chitarra che sovente sceglie sonorità space rock. Tra le 7 tracce di "8Lights" una segnalazione particolare per Fat Land, canzone che ha profondità, ritmo inquieto e nella quale il canto ricorda Thom Yorke, The Distance ci riporta ai suoni più marcatamente anni ’80, mentre in Stranger le atmosfere si fanno più drammatiche e torbide. Si sa quanto sia dura oggi per le band trovare uno spazio nel confuso mondo della musica, ma in questi poco più di 3 anni di vita i Martin Kleid hanno seminato bene e con grande pazienza e mentre stanno lavorando a un nuovo album si stanno facendo conoscere anche all’estero. In Russia hanno ormai un piccolo seguito, dimostrato dai due mini tour lì effettuati nel gennaio 2012 e nel maggio dell’anno successivo, e l’etichetta tedesca Dark Dimension li ha messi sotto contratto. Insomma ci sono le premesse per combinare qualcosa di buono.

Ignazio Gulotta

Audio

Video

Inizio pagina