Migliora leggibilitàStampa
1 agosto 2018 ,

Recensioni EP – Tombstones In Their Eyes: “NOTHING HERE” [a cura di Giovanni Capponcelli]


Tombstone_NothingHEre_CoverStati Uniti 

Send Me Your Head Records (24 Agosto 2018)  

 

Ad un anno dagli ultimi “Fear” e “Shutting Down”, "Nothing Here", nuovo terzo EP di 3 tracce si incastra alla perfezione nelle spire dei predecessori, continuando imperterrito quella spirale multicolore propulsa da una cadenza lenta, ma rimbombante come l’esplosione di una bomba nell’abisso viola di un oceano di catatonìa. Non c’è fretta nel mondo distorto dei Tombstones In Their Eyes. Sound enorme, gelatinoso, molle, rallentato come un piano sequenza di “Breaking Bad”. Per il quartetto di L.A. tutto scorre di fronte ad occhi sbarrati ma dormienti. Effetto parallasse, o è davvero lo sfondo di un western per fuorilegge spaziali a muoversi lentamente? Brian Jonestown Massacre, i Loop di “Heaven’s End”, i Black Angels riadattati al revival shoegaze di Slowdive e Ride. Immutabile, pigro, deformato dalla ben celata anima pop. Ma niente male.                                                                                                                                                   Voto: 7/10

Video

Inizio pagina