Migliora leggibilitàStampa
28 febbraio 2013

“Mississippi Murderer”: l’album solista di Greg Prevost dei Chesterfield Kings


greg prevostNon è mai stato un mistero il viscerale amore di Greg Prevost, lo sguaiato frontman di The Chesterfield Kings per il blues del delta ed il Chicago Blues più elettrico, ma soprattutto per i perfidi trattamenti che riservarono a questi generi negli anni '60 gloriose band inglesi come The Rolling Stones, The Yardbirds e Pretty Things. Gli stessi Chesterfield Kings lo hanno omaggiato in più occasioni dedicando a questa passione bruciante blues un album nel 1990, "Drunk On Muddy Water" (Mirror Records).  "I officially left the band in the early part of 2011 after a long deep freeze of not doing anything", sono parole di Greg Prevost che non lasciano adito ad equivoci sulla sorte della band, a meno che non trovino un altro leader. E così nel Dicembre 2012 è uscito in Europa - e più di recente, il 5 Febbraio 2013 in America - per la Mean Disposition Records, un album solista di Greg Prevost, "Mississippi Murderer".  

 

Il titolo eloquente, 'l'assassino del Mississippi', ribadisce l'amore maniaco per lo stupro delle radici di Prevost, che per l'occasione si è ribattezzato 'Stackhouse'. Downstate New Yawk Blooze, un brano tratto dall'album che potete ascoltare qui in calce nè è magnifica cartina al tornasole. Greg oltre a cantare e suonare l'armonica, torna ad un suo vecchio amore, la chitarra e per l'occasione si cimenta con l'elettrica, l' electric slide, la National steel e l'acustica. Ad assisterlo in questo "Mississippi Murderer"  Zachary Koch (drums) Alex Patrick (bass) e  Keenan Bartlett (occasional piano). Firma anche sette (7) brani dell'album, i restanti cinque (5) sono covers da lui arrangiate di brani blues e rock-blues seminali di Robert Johnson, Blind Willie Johnson, Jagger- Richards (un'altra 'fissa' da sempre di Greg), ed addirittura di Donovan Leitch. Presto la recensione su Distorsioni Net.

 

Pasquale 'Wally' Boffoli

 

Video

Inizio pagina