Migliora leggibilitàStampa
27 settembre 2016

Liverpool Psych Fest. Headliners: Pure Phase Ensemble e The Veldt

Liverpool Psych Fest. Headliners: Pure Phase Ensemble e The Veldt 23-24 Settembre 2016, Liverpool (Inghilterra)


liverpool_psych_fest_poster_mar16Grande e attesissimo weekend di musica in quel di Liverpool. La città sulle rive della Mersey, infatti, ha ospitato il 23 e 24 settembre 2016 la quinta edizione dellInternational Festival of Phychedelia, meglio conosciuto con la più semplice dicitura di Liverpool Psych Fest, o addirittura con la sigla PZYKLa due giorni di musica ha ospitato sui quattro palchi allestiti per la manifestazione, oltre 100 spettacoli tra live shows e DJ sets. Anche per quel che riguarda gli headliners, si è trattato di nomi di assoluta eccezione nell’ambito della musica con più o meno espliciti rimandi al vasto universo psichedelico.

 

 

Pure Phase Ensemble 

 

Per la serata di sabato 23, lo show di punta è stato della band polacca Pure Phase Ensemble, con la partecipazione straordinaria di Mark Gardener dei Ride. Gli artisti polacchi si sono esibiti sul palco del PZYK con uno show che, con ogni probabilità, non verrà più replicato. La scaletta ascoltata a Liverpool, infatti, è stata suonata esattamente dagli stessi membri solo una volta in precedenza e, stando a quanto dichiarano gli stessi artisti polacchi, non hanno alcuna intenzione di replicarlo oltre. La peculiarità della Pure Phase Ensemble è, infatti, di avere solamente alcuni membri permanenti nella propria line-PURE-PHASE-ENSEMBLE-4-640x426up, e di attingere gli altri componenti da diverse band appartenenti al variegato universo dello space-rock. Tra le collaborazioni più prestigiose, la Pure Phase Ensenble può vantare appunto nomi di spicco provenienti da gruppi come Spiritualized, Stereolab e Ride.

La PPE si formò la prima volta per lo SpaceFest!, altra manifestazione dedicata alla musica psichedelica che si svolge a Danzica nella loro natia Polonia. Arrivati ormai già alla quarta edizione del loro progetto decisamente sui generis, la Pure Phase Ensemble 4 ft. Mark Gardener ha riscosso particolare successo grazie all’album “Live at SpaceFest!”, ottimamente recensito in tutto il mondo. Al netto della partecipazione del leggendario frontman dell’altrettanto leggendaria band Ride, la band che si è esibita sul palco del Liverpool Psych Fest prevedeva nella line-up artisti quali Ray Dickaty (ex Spiritualized), Karol Schwarz (KSAS, 7faz), Jacek Rezner and Kamil Hordyniec (Wilga), Michal Pydo (Hatifnats), Michal ‘Kostek’ Stolc (Cisza nocna).

 

The Veldt

 

Ad aprire le danze in qualità di headliners della serata prededente del venerdì, è stata la famosa band shoegaze americana The Veldt, che portò nella prima metà degli anni ’90 un genere tipicamente britannico alla ribalta anche in America. Nata sotto l’ala protettrice di Robin Guthrie (Cocteau Twins) e contemporanea di un artista del calibro di A.R.Kane, The-Veldt-640x360la band si distinse per il secco no con cui liquidò le ingerenze di Capital e Mercury Records (le due major che li misero sotto contratto dopo il grande successo commerciale registrato con il singolo Soul in a Jar), che reputavano la loro anima shoegaze troppo provocatoria. Una coerenza che ha portato i Veldt, in tempi più recenti, ad essere i capofila di una seconda ondata shoegaze (o shegaze revival, come il fenomeno si è imposto all’attenzione dei media), insieme The Brian Jonestown Massacre, gruppo con cui hanno intrapreso un fortunato tour, che ha toccato anche tappe importanti come i festival Levitation e ReverenceAttualmente, i Veldt sono impegnati con il loro primo tour europeo ufficiale, in supporto al loro ultimo EP “The Shocking Fuzz of Your Electric Fur”, uscito per la Leonard Skully Records.

Riccardo Resta

Video

Inizio pagina