Migliora leggibilitàStampa
12 ottobre 2012 , ,

WILCO

11 ottobre 2012, Obihall, Firenze


WILCO Firenze 11-10-2012 24Jeff Tweedy è un personaggio straordinario. 'The last american hero' verrebbe da dire se non fosse che tale termine viene spesso usato a sproposito. Dallo scioglimento dei  grandi e dimenticati  Uncle Tupelo ha dato vita a una creatura ancora più favolosa, Wilco. Annunciati da una memorabile serie di bootleg album ufficiali, in vendita legale sul loro sito e denominati “Roadcase”, si sono ripresentati per tre date nel nostro paese dopo la mini-tournée da sold out del mese di marzo.

 

La data di Firenze era l'unica del centro-sud e ha richiamato un buon seguito di aficionados, anche se va detto che il non capientissimo Obihall non presentava il tutto esaurito. Da segnalare al solito la  totale mancanza di pubblicità visiva, nessun manifesto in città, manco uno nella stessa struttura che ospitava lo show (!) e il solito furto del 20% della prevendita, l'immancabile punizione per chi ha la disgraziata idea di comprare in anteprima il biglietto. Insomma si fa di tutto per tenere alla larga la gente dai concerti, visti come la peste o quasi.

 

L'act dei Wilco si è aperto con la struggente Ashes of american flag, da uno dei loro capolavori, “Yankee Hotel foxtrot”, in una mirabile versione dilatata seguita da un Art of almost  tiratissima con finale da fuochi d'artificio. Un inizio da brivido che prometteva un serata memorabile, cosa rivelatasi esatta. Dallo stesso ultimo disco "The whole love", disco dell'anno 2011, sono state poi eseguite le belle I Might e Black Moon con a ruota una Spiders che da sempre rappresenta una delle loro song più apprezzate. Pubblico giàWILCO Firenze 11-10-2012 28 in delirio. Nemmeno il tempo di riprendere fiato che arriva il tour de force chitarristico di Impossible Germany, altra song straordinaria, uno dei loro momenti live più intensi, la sei corde di Nels Cline qui svetta altissima, con echi di guitar heroes della famiglia Allman, i leggendari Duane Allman, Dickey Betts e Warren Haynes.

 

Basterebbe questo inizio per giustificare il prezzo del biglietto ma siamo solo all'inizio. Bella al solito Misunderstood, da “Being there”, poi l'americanissima California Stars e l'immancabile Handshake Drugs, magnifica al solito. Ancora Jesus etc. da “Yankee Hotel foxtrot”, poi I can't stand it che apriva lo splendido “Summerteeth” e Hummingbird da “A WILCO Firenze 11-10-2012 27ghost is born”  inframmezzate da altri due pezzi dall'ultimo discoA finire il primo set di canzoni è graditissimo il ripescaggio di A shot in the arm, grintosa al punto giusto, sempre dal citato “Summerteeth”. La band abbandona il palco nel tripudio generale, il pubblico conosce bene Wilco e sa che l'encore sarà una roba lunga, molto lunga. E' un altra mezz'ora abbondante di meraviglie sonore.

 

Appena fuori l'Obihall diluvia, dentro invece è la band a proporci una cascata di note torrenziali, si chiamano Passenger side, delizia antica dall'acerbo esordio di “A.M.”, ma anche Kamera dal disco dell'hotel, Hate it here da “Sky Blue Sky”, la sdolcinata I'm always in love, a seguire ancora due perle da "Yankee Hotel foxtrot", disco che i Wilco e i loro fan amano molto, la poderosa Heavy metal drummer con Glenn Kotche sopra le righe e I'm the man who loves you,  per chiudere in bellezza con I'm a Wheel dal disco dell'uovo.WILCO Firenze 11-10-2012 31 Pubblico impazzito, Firenze ai piedi dei Wilco, Tweedy stesso lo riconosce, "Really a great audience" e sono tra le poche parole che ha pronunciato nella serata. Concerto dell'anno, una serata da tramandare ai posteri, poco altro da aggiungere, Wilco sono la migliore rock band americana del momento, difficile trovare di meglio in giro. Brividi sottopelle, stanotte sarà difficile prendere sonno. Grazie Wilco ed arrivederci.

Ricardo Martillos

Fotografie e galleria fotografica di Ricardo Martillos

WILCO Firenze 11-10-2012 09.jpegWILCO Firenze 11-10-2012 01.jpegWILCO Firenze 11-10-2012 02.jpegWILCO Firenze 11-10-2012 03.jpegWILCO Firenze 11-10-2012 04.jpegWILCO Firenze 11-10-2012 05.jpegWILCO Firenze 11-10-2012 06.jpegWILCO Firenze 11-10-2012 07.jpegWILCO Firenze 11-10-2012 08.jpegWILCO Firenze 11-10-2012 10.jpegWILCO Firenze 11-10-2012 11.jpegWILCO Firenze 11-10-2012 13.jpegWILCO Firenze 11-10-2012 14.jpegWILCO Firenze 11-10-2012 15.jpegWILCO Firenze 11-10-2012 16.jpegWILCO Firenze 11-10-2012 17.jpegWILCO Firenze 11-10-2012 18.jpegWILCO Firenze 11-10-2012 19.jpegWILCO Firenze 11-10-2012 20.jpegWILCO Firenze 11-10-2012 21.jpegWILCO Firenze 11-10-2012 22.jpegWILCO Firenze 11-10-2012 23.jpegWILCO Firenze 11-10-2012 24.jpegWILCO Firenze 11-10-2012 25.jpegWILCO Firenze 11-10-2012 26.jpegWILCO Firenze 11-10-2012 27.jpegWILCO Firenze 11-10-2012 28.jpegWILCO Firenze 11-10-2012 29.jpegWILCO Firenze 11-10-2012 30.jpegWILCO Firenze 11-10-2012 31.jpegWILCO Firenze 11-10-2012 32.jpeg
 


Set list   

Ashes of American Flags
Art of Almost
I Might
Black Moon
Spiders (Kidsmoke)
Impossible Germany
Born Alone
How to Fight Loneliness 
Misunderstood
California Stars
Handshake Drugs
Jesus, etc.
Whole Love
Can’t Stand It
Dawned On Me
Hummingbird
Shot in the Arm


Encore:

Passenger Side
Kamera
Hate It Here
Always In Love
Heavy Metal Drummer
I'm the Man Who Loves You
I'm a Wheel

 

 

Inizio pagina