Migliora leggibilitàStampa
17 luglio 2014 ,

Motorpsycho

3 Giugno 2014, Ciampino (Roma), Orion


motorpsychoMotorpsycho sono ormai di casa in Italia, dove nonostante i cambi generazionali continuano a mantenere un numero elevato di fan. Sono trascorsi ormai vent’anni da quel memorabile concerto che i Motorpsycho tennero al CSO “Il Faro” a Roma nel 1994, nel quale Bent e Snah facevano intravvedere le direttrici di una psichedelia hardcore, che nel tempo sarebbe mutata di forma, attraversando il progressive, lo space rock, il pop, sino ad  approdare ad un hard rock psichedelico d’ispirazione seventies.

 

Ogni concerto dei Motorpsycho è una storia a sé. Lo conferma la varietà di scalette ogni giorno diverse, che attingono sempre a piene mani agli album capolavoro degli anni ’90. Non c’è il pienone il 3 Giugno all’Orion di Ciampino, probabilmente per il concomitantemotorpsycho live (4) concerto dei Queens of the Stone Age a pochi chilometri di distanza. Ed è davvero un peccato perché i Motorpsycho stanno attraversando uno straordinario periodo di forma e perché il venticinquesimo anno di attività crea le condizioni per sorprese inaspettate. Come l’inizio del concerto completamente acustico, che con Coventry Boy ("Trust us"), Now It's Time To Skate ("Timothy’s monster"), Feel ("Timothy’s monster") e All Is Loneliness ("Demon Box") mostra ancora una volta il grande eclettismo e la vocazione al pop della band norvegese.

 

motorpsycho live (2)Il tempo di sostituire gli strumenti acustici ed il sound della band si trasforma in un trasbordante jamming. La suite Hell 1-7 e successivamente No Evil, Cloudwalker e On A Plate si susseguono come un ideale album che raccoglie in meglio dell’ hard rock psichedelico degli anni duemila. Ad interrompere le digressioni heavy-prog arriva For Free estratto da quel “Phanerothyme” che, almeno nelle intenzioni degli autori, avrebbe dovuto realizzare la svolta psych-pop della band scandinava. La presenza della seconda chitarra dello svedese Reine Fiske motorpsycho live (1)consente ai Motorpsycho di raggiungere un livello di maturità live davvero impressionante, aggiungendo ulteriore tecnica alla potenza metronomica di Kenneth Kapstad e alla forza creativa di Bent e Snah.

 

Che sia sempre la psichedelia la chiave di lettura del loro sound lo si capisce anche dalla bellissima Psychonaut, intonata nella parte conclusiva del concerto, che costituisce il manifesto definitivo delle navigazioni oscuremotorpsycho live report (3) delle band legate a doppio filo a quei viaggi allucinati del primo “Lobotomizer”. C’è anche il tempo per recuperare la suggestiva Upstairs/Downstairs apparsa in “Let Them Eat Cake” ed inabissarsi nella devastante versione di Nothing To Say ("Demon Box") mescolata al gigantismo di Mountain. Pochi minuti di pausa e Bent & Snah risalgono sul palco per intonare Fools Gold (“Blissard”) in versione psych-prog, con cui chiudono la serata. Nulla da dire. I Motorpsycho continuano ad essere una delle più grandi band in circolazione. 

Felice Marotta

foto di Felice Marotta  

 

Motorpsycho  

Rune Grammofon - Motorpsycho

 

Setlist

Set acustico 
Coventry Boy (Trust us)

Now It's Time To Skate (Timothy’s monster)

Feel (Timothy’s monster)

All Is Loneliness (Demon Box)

Set elettrico
Hell 1-7 ("Still Life With Eggplant"/ Behind the sun)

No Evil (Black Hole – Black Canvas)

Hey Jane (Trust us)

Cloudwalker (Behind the sun)

On A Plate (Behind the sun)

For Free (Phanerothyme)

Hallucifuge (Little Lucid Moments)

Psychonaut (Trust us)

Upstairs/Downstairs (Let Them Eat Cake)

Superstooge (Trust us)
Nothing To say (Demon Box)

Encore

Fools Gold  (Blissard)   

 


Video

Inizio pagina