Migliora leggibilitàStampa
8 giugno 2015

Celia Humphris (Trees)

Nel giardino di Jane Delawney: incontro con Celia Humphris – Italian/English Version


  celia                       I N T R O

 

Una bella sorpresa di Distorsioni ai suoi lettori amanti del folk rock inglese dei primi anni settanta. Grazie all'intermediazione del bravissimo Chris Wade (Dodson and Fogg) abbiamo incontrato Celia Humphris, favolosa lead singer dei leggendari Trees, uno dei migliori e sottovalutati gruppi dell'epoca  di cui ci siamo già occupati  due anni fa con una ricca monografia nella rubrica Full Circle (Underground Folk Stories). Se volete approfondire la materia il link lo trovate a fondo pagina negli Articoli correlati. Buona lettura.

 

 

L’INTERVISTA

 

Ricardo Martillos (Distorsioni) - Celia, cominciamo dall'inizio, come sei stata contattata per entrare nei Trees?

Celia Humphris - Ero al college di arti drammatiche, lo amavo realmente (ero nella stessa classe di canto dell'attrice Jane Seymour!), quando mia sorella Sue, che lavorava in pubblicità alla Philips Records, mi chiese se ero interessata a unirmi al gruppo che stava formando un suo collega, David Costa, che lavorava al dipartimento d'arte. Andai con lei a fare l'audizione, dissi inizialmente no perché volevo continuare con la mia scuola di recitazione. La sera stessa però li richiamai per dire che avevo cambiato idea.

 

CeliaHumphris1989MBCon gli studi di recitazione che avevi fatto avresti mai pensato di diventare la cantante di un gruppo folk rock?

In verità no! Non mi piaceva particolarmente la musica folk ma soltanto la sua versione americana (Bob Dylan e gli altri)

 

Eravate tutti londinesi, frequentavate altri artisti ?  I vostri ascolti musicali? Chi erano i tuoi artisti e gruppi folk preferiti dell'epoca ?

Ero così immersa nelle arti, danza, teatro e musical, che stavo perdendo il contatto con la musica del tempo. All'audizione che feci non conoscevo nessuna delle bands che mi venivano nominate o proposte, poi finalmente abbiamo trovato un punto d'incontro con Summertime, l'unica canzone che sapevamo tutti! Mi piacevano il Jazz ed il Blues, ero cresciuta al di fuori dell'esperienza Beatles, anche se mi piaceva ascoltare la loro musica (ed anche rifarla). La band mi  introdusse alla musica di Joni Mitchell che divenne una forte influenza e, naturalmente, i Fairport Convention.

 

Chi è che scelse il nome del gruppo?

Onestamente non ricordo a chi venne l'idea ma di sicuro eravamo tutti d'accordo sulla scelta.

 

Quanto è stato importante un disco seminale come "Liege & Lief" dei Faiport per la formazione del gruppo? O le vostre influenze erano più sul versante psych della West Coast?

trees 1Barry Clarke a quel tempo suonava abbastanza simile allo stile di Richard Thompson. Non lo copiava, aveva semplicemente un stile di chitarra molto vicino al suo.  David Costa suonava la chitarra acustica in maniera fantastica e continua a farlo anche adesso. Lui e Barry suonavano entrambi splendidamente, mentre Bias (Boshell) usava il basso come fosse una terza chitarra solista. Anche Unwin (Brown) alla batteria aveva la tendenza a fare questo, piuttosto che fornire una solida sezione ritmica solida ed io come cantante facevo quasi la stessa cosa. Eravamo sostanzialmente 5 solisti, che, trees 8quando le cose funzionavano, suonavano insieme meravigliosamente. Quando invece le cose non andavano c'era un pò di confusione! Per rispondere alla tua domanda, beh certo, i Fairport Convention ci influenzarono certamente, come ha fatto Dan Hicks & his Hot Licks,  Incredible String Band, Martin Carthy ed altri del medesimo filone musicale. Credo che abbiamo preso qualcosa anche dai Jefferson Airplane.

 

Com'è che una etichetta importante come la CBS vi contattò per incidere i vostri due bellissimi album?

Il nostro manager Doug Smith ed un suo amico, Kik, fecero da mediatore per noi.

 

Quanto fu importante la produzione di un grande artista come Tony Cox in tutti e due i lavori? Come vennero scelti i traditional? Ne avevate molti in repertorio?

Il primo album è stata prodotto da David Howells della CBS, a Tony è stato chiesto di produrre il secondo. I ragazzi avevano sentimenti contrastanti circa il suo lavoro,  sentivano che a lui realmente non piaceva la nostra musica. Ero ignara di ciò, anche se devo dire che ha fatto un ottimo lavoro, soprattutto con l'arrangiamento d'archi di While the iron is hot. Cox suonò il basso con Bias al pianoforte in Sally Free and Easy.

 

Jane Delawney back coverParlami per cominciare del primo disco, "The garden of Jane Delawney", chi compose musica e testi?

Tutta la musica originale è stata composta da Bias Boshell. I traditional folk sono stati scovati principalmente da David, spesso con l'aiuto di Martin Carthy.

 

Ritengo "On the shore" uno dei migliori dischi in assoluto di folk elettrificato, qui le lunghe improvvisazioni ti tolsero un pò di spazio ma con tre chitarristi (fatto inusuale per un gruppo folk rock) era quasi naturale.Come cantante ti sentisti limitata in qualche modo? Dal vivo i pezzi si dilatavano ancora di più?

Grazie! Sì, facevo solo un passo indietro e lasciavo gli altri suonare, amavo ascoltarli. Ero un pò limitata dai vincoli della mia voce, non è una voce forte e non sono stata in grado di contribuire tanto quanto avrei voluto. Sì, durante le esibizioni dal vivo c'erano spesso lunghi assoli di chitarra mentre io ballavo ed ondeggiavo. A volte mi sdraiai, una volta addirittura mi sono addormentata!

 

Mi parli della bella copertina? Venne scelta da voi? La bambina ha qualche parentela con qualcuno del gruppo?

Per la copertina fu commissionato il leggendario Storm Thorgessen della Hypgnosis. E' lui che ha ideato il tutto. La ragazza sul prato di "On the shore" era la figlia di Tony Meehan (ex batterista degli Shadows di Cliff Richard), ma non la conoscevamo proprio.

 

C'è una canzone (o più di una) dei Trees che preferisci in assoluto?

Sally Free and Easy, Snail’s Lament e The garden of Jane Delawney.

 

On the shore back coverLa CBS vi scaricò per le scarse vendite dei due dischi o  avevate già intenzione di sciogliervi? Com'è che con un etichetta così potente alle spalle e con un genere come il folk rock che aveva un buon seguito i due album non incontrarono i favori del pubblico?

Tutto si riduceva soltanto a problemi economici. Abbiamo lavorato molto duramente, ma non c'erano mai abbastanza soldi ed abbiamo perso fiducia sia con la nostra musica che con la casa discografica, sentivamo che non faceva abbastanza per aiutarci. Non so perché non raggiungemmo un pubblico più vasto e diventammo più popolari, forse il pubblico dell'epoca ha preferito la musica degli Steeleye Span e dei Pentangle alla nostra.

 

A parte il disco semi-legale della Hablabel esiste altro materiale inedito, in studio o dal vivo che non sia presente nelle due ottime ristampe su cd?

Non siamo stati per niente felici dell'uscita dell'album bootleg ("Trees Live" ndr.), con la sua scarsa qualità sonora. E naturalmente non ottenemmo nessuna royalties dalle sue vendite. Non credo ci sia altro materiale rimasto fuori. Abbiamo registrato un sacco, ma i nastri sono stati persi.

 

Cosa hai fatto dopo aver terminato con i Trees?

Mi sono sposata, ho avuto un figlio, finalmente sono tornata alla recitazione e per  lavoro faccio la voce narrante, che svolgo direttamente dal mio studio casalingo.

 

Dodson+and+Fogg2A parte la tua apparizione nei bellissimi dischi di Dodson and Fogg hai collaborato con altri artisti?

Sì, ho cantato su un paio di dischi di Dodson and Fogg. Ho fatto anche delle apparizioni nei lavori di Skin Alley, Phil Trainer ed in album di Judy Dyble, un paio d'anni fa.

 

Pensi che i Trees adesso sarebbero più apprezzati o erano proprio figli della loro epoca?

Trovo che siamo più apprezzati adesso, i nostri album vendono ancora! Sì, siamo stati figli del nostro tempo, adesso non sarebbe la stessa cosa.

 

Hai più rivisto i vecchi compagni d'avventura? Ci sarà mai una reunion dei Trees?

Ci siamo reincontrati quando la Sony ha deciso di ristampare nostri album, la prima volta tutti insieme dopo quasi 40 anni! Abbiamo trascorso una meravigliosa serata insieme, ognuno con la propria diversa memoria degli eventi (qui purtroppo puoi leggere solo la mia versione). Avevamo programmato un reunion concert a Soho, ma purtroppo il nostro batterista Unwin si ammalò e morì. Adesso non abbiamo più alcuna intenzione di rifarlo.

 

Grazie mille Celia per la tua gentilezza e disponibilità, un saluto anche dai molti appassionati italiani che a distanza di molti anni si ricordano con piacere del tuo vecchio gruppo e lo amano tanto.

Grazie mille, ciao Rick!

 

 

INTERVIEW - In the garden of Jane Delawney: meeting Celia Humphris (TREES)

 

Trees cdThis time Distorsioni wanted to make a nice surprise to its readers, especially lovers of English folk rock of the 1970s. Thanks to the very talented Chris Wade intermediation (Dodson and Fogg) we met Celia Humphris, fabulous lead singer of the legendary Trees, one of the best and overrated groups of his era, who have gone unacknowledged and of which we have already dealt with a comprehensive monograph, the link can be found at the bottom of the page.

 

 

Ricardo Martillos (Distorsioni) - Celia, let's start from the beginning, how were you contacted to join Trees?

Celia Humphris - I was at drama college, loving it (I was in the same singing class as the actress Jane Seymour!), when my sister Sue, who worked in publicity at Philips Records, asked me if I might be interested in joining a band her colleague, David Costa, who worked in the art department, had formed. I went with her to an audition, said “no” and left to get on with my acting life. Later that evening I called them up and changed my mind…

 

With acting studies that you have done you'd never thought of becoming a Folk Rock singer?

No! I didn’t particularly like folk music although I did enjoy the American version (Dylan etc)

 

Trees are all Londoners, you saw other artists? Your favorite artist or bands of the era? What was your main interest at the time?

trees 6I was so immersed in the performing arts, dance, drama and musicals, that I’d rather lost touch with the music of the time. At the audition I knew none of the bands they talked about so we finally agreed on Summertime, the only song we all knew! I liked Jazz and Blues, I’d grown out of the Beatles although I liked their music (and still do). The band introduced me to the music of Joni Mitchell who became a strong influencer, and of course Fairport Convention.

 

Who chose the name of the band?

I honestly can’t remember who thought of it, but we all agreed on it.

 

What was important to a seminal album as "Liege & Lief" of Fairport for the formation of the Trees? Or were more influences of the West Coast psychedelia?

Barry Clarke sounded quite similar to Richard Thompson in those days. He didn’t copy him, he simply had a similar guitar style. David Costa played stunning acoustic guitar and still does. He and Barry played off each other beautifully, while Bias weaved his bass between them like a third lead guitar. Unwin on drums also tended to do this rather than provide a solid rhythm section and I as the singer was dong the same thing, we were basically 5 lead instruments, which, when it worked, sounded marvelous. When it didn’t work it was a bit of a mess! That doesn’t answer your question, Fairport certainly influenced us, as did Dan Hicks and his Hot Licks, the Incredible String Band, Martin Carthy and others of the genre. I think there’s a bit of Jefferson Airplane in there too.

 

How is it that a major label like CBS there approached to record your two wonderful albums?

Our manager Doug Smith and a friend of his, Kik, did that part for us.

 

What was the importance of Tony Cox to the production in both jobs? How were the traditional tracks chosen? There were many in your repertoire?

Jane Delawney frontThe first was produced by David Howells of CBS, Tony was asked to produce the second. The guys had mixed feelings about his work, they felt that he didn’t really like our music. I was unaware of this, and though he did a great job, especially with the strings arrangement on While the Iron is Hot. He stood in and played bass while Bias was on piano for Sally Free and Easy.

 

Tell me about the first album, "The garden of Jane Delawney", who composed the music and lyrics?

All the original music was composed by Bias at that time. The folk songs were sourced mainly by David often with the help of Martin Carthy.

 

I  think "On the shore" is one of the best electrified folk albums ever, here the long improvisations you took some space but with three guitarists (so unusual for a folk rock band) was almost natural. As a singer do you feel limited somehow? Live parts enlarged even further?

Thank you. Yes, I just stood back and let them get on with it, I loved listening to them. I was limited by the contraints of my own voice, it’s not a strong voice and I was unable to contribute as much as I’d have liked. Yes, during live performances they played even longer guitar breaks while I danced and swayed. Sometimes I laid down, once I even fell asleep!

 

Tell me about the beautiful cover? It was chosen by you? It has some emotional bond with someone you know?

On the shore vinylThe legendry Storm Thorgessen of Hypgnosis was commissioned for the cover. He conceived the whole thing. The girl was the daughter of Tony Meehan (ex drummer with Cliff Richard’s Shadows), we didn’t know her.

 

Is there a particular song (or more) of Trees you especially love?

Sally Free and Easy, Snail’s Lament and The garden of Jane Delawney.

 

Did CBS release you for poor sales of the two discs or had you already planned to dissolve? How is it that with a label so powerful behind you and with a kind of folk rock (that had a good following) your albums didn’t meet the public favors?

It all came down to money really. We worked very hard but there was never enough money and we became disillusioned both with our own music and the record company, who we felt weren’t doing enough to help. I don’t know why we didn’t reach a larger audience and become more popular, perhaps they preferred Steeleye Span and Pentangle.

 

Apart from the semi-legal Hablabel album exist other unreleased material, live or studio that is not present in the two excellent reissues on cd?

Trees-300x232We aren’t happy about the “bootleg” albums, they are such poor quality. And of course, we get no royalties from the sales. I don’t think there’s anything more material. We recorded plenty, but the tapes are lost.

 

What did you do after you were finished with Trees?

Got married, had a child, and eventually went back to acting and voice over work, which I still do from my basement studio.

 

Apart from your appearance on the beautiful discs of Dodson and Fogg have you collaborated with other artists?

I’ve sung on a couple, yes. I did something for Skin Alley, Phil Trainer, and a few years ago, Judy Dyble.

 

Do you think Trees now would be more appreciated or were they children of their times?

We are more appreciated now, our albums are still selling! But yes, we were children of the times. It wouldn’t be the same now.

 

Have you seen the old comrades in adventure? Will there ever be a reunion of Trees?

trees 2We met up when Sony records agreed to rerelease our albums, the first time all together in nearly 40 years! We spent a wonderful evening together, all with differing memories of events (so you are only getting my version here) and we had a reunion gig lined up at the Borderline in Soho, but sadly our drummer Unwin became ill and died. We have no desire to take it further now.

 

Thanks Celia for your kindness and availability, a greeting from many Italian fans that after many years still love and are pleased of your old group.

Grazie mille, ciao Rick!

Ricardo Martillos

Video

Inizio pagina