Migliora leggibilitàStampa
9 luglio 2015

MOSTRE – “Antony Gormley: HUMAN”

25 aprile – 27 settembre 2015 , Firenze, Forte di Belvedere


A cura di Arabella Natalini e Sergio Risaliti - Orari di apertura 10.00 – 20.00 (ultimo ingresso ore 19.00) - Chiuso il Lunedì -  Ingresso gratuito

 

mostra (1)Per i turisti “da weekend” (ma anche per i residenti fiorentini) c'è una straordinaria opportunità culturale lontana dai “soliti” circuiti degli Uffizi o della Galleria dell'Accademia: la mostra "Human" dello scultore inglese Antony Gormley presso gli spazi esterni del Forte di Belvedere, luogo di difesa e capolavoro architettonico voluto da Ferdinando De' Medici (costruito tra 1590 e 1595), adibito a simili esposizioni da oltre quarant'anni. Come ha sottolineato il curatore della mostra Sergio Risaliti, già dal titolo, Human, l'artista inglese "individua il suo orizzonte di riferimento culturale, l'Umanesimo, criticando le certezze ideologiche che hanno sostenuto l'arte occidentale”.

 

mostra10unnamedL'installazione presso il Forte è composto da un totale di 103 opere in ferro: le 60 sculture dell'opera Critical Mass II (1995) e le 43 di Blockworks (2011-2015). I centri nevralgici della mostra consistono in due rivisitazioni dei due lavori: le dodici figure antropomorfe di Critical Mass II che rappresentano, secondo lo stesso Gormley, “una serie di pose base del corpo umano, da quella contemplativa a quella dell'uomo che supplica, dalla posa del cordoglio a quella dell'ossequio, c'è chi aspetta di ricevere un ordine e c'è il corpo del sognatore”. Le dodici figure sono disposte in una “Progressione lineare, che va dalla posa fetale a quella di colui che contempla le stelle, in una rappresentazione di “evoluzione dell'uomo”.

 

mostra (3)Percorrendo la terrazza lungo il lato nord il visitatore non può non rimanere ammaliato dall'incomparabile skyline sulla città: la Cupola del Brunelleschi, Palazzo Vecchio, gli altri monumenti simbolo sovrastati dalle colline di Fiesole e, in lontananza, dagli Appennini; il tutto crea un contrasto  stupefacente con le opere dello scultore londinese. Giunti al lato opposto alle 12 figure allineate, vi è mostra (7)l'angosciante gruppo scultoreo del Blockworks, composto da statue ammassate che rievocano,  dichiara Antony Gromley, “il conflitto del secolo scorso”. Altre sculture sono disposte nel lato sud del Forte, e da qui si ammirano la campagna, San Miniato al Monte e, verso il basso, le armoniche geometrie del Giardino di Boboli.

 

mostra (6)La vista, anzi le viste sulla Capitale del Rinascimento e sui suoi dintorni formano un'esperienza visiva che consente al visitatore di contemplare un luogo unico al mondo e di completarle con le sensazioni apportate dalle opere di uno dei principali scultori contemporanei. Antony-GormleyAntony Gormley, infatti, considera l'idea-base della mostra Human la sua possibilità di “aprire il Forte a sollecitazioni scultoree, le opere sono sparse con lo scopo di catalizzare le relative masse, le costruzioni e le vedute offerte dal sito”. Un sito adatto a persone di tutte le età, consigliato anche a bambini che vogliono dilettarsi con la bellezza delle cose e dei luoghi.

 

Gaetano Ricci

foto di Gaetano Ricci -    foto 6: lo scultore inglese Antony Gormley

 

Official       Evento Social


Video

Inizio pagina