Migliora leggibilitàStampa
6 luglio 2016 ,

Bleached

WELCOME THE WORMS

2016 - Dead Oceans
[Uscita: 01/04/2016]

Stati Uniti  #consigliatodadistorsioni     

 

bleached WELCOME THE WORMS  copertinaBleached, giovani losangeline, sono nate da una idea delle due sorelline Jennifer e Jessie Clavin, che insieme a Micayla Grace e all'unico maschietto Marc Jordan formano questo scatenato quartetto californiano. Hanno in pratica una line-up che ricorda in tutto e per tutto quella delle nostre bravissime carpigiane Roipnol Witch, pure queste composte dalle due sorelle Guandalini, Giulia e Martina, da Queen Francy ed un unico elemento maschile, Massi. E pure il sound delle americane non è poi molto diverso da quello delle nostre ragazze, soprattutto è vicino alle cose che facevano ai loro esordi. Un suono che è debitore in minima parte del garage anni ottanta delle Pandoras; piuttosto sono una sorta di Bangles accelerate e vicino anche alle spagnole Hinds. Puro punk pop con reminiscenze sixties. Il loro esordio risale al 2013, il disco era "Ride your heart" ed era riuscito in parte a scuotere una scena come quella di Los Angeles, ferma ormai da anni e lontana dai fasti del Paisley Underground e dall'hardcore punk dei gloriosi anni ottanta. Questo secondo capitolo, "Welcome to worms" poco toglie o aggiunge a quel promettente debutto finendo per risultare un disco gradevole senza però entusiasmare in maniera clamorosa. Un pò come tutte le  cose che escono adesso, niente di nuovo sotto il sole. Esce per la Dead Oceans, quella di Bill Fay e Ryley Walker, una garanzia insomma. .

 

BleachedLe ragazze losangeline non si fanno certo molti scrupoli ad apparire grezze e malvestite in quel di Joshua Tree, celebre location dove in una casa abbandonata hanno registrato le dieci tracce dell'album. Normale che non sia presente il batterista Marc Jordan quasi a non rovinare l'immagine di gruppo al femminile che le Bleached tengono a mantenere. Ci sono qui dentro rock song dai refrain irresistibili che si mandano a memoria dopo pochi ascolti. Hollywood, we did it all wrong, posta giusto in fondo, è una di queste ma non è la sola. L'opener Keep on keepin' on con quei coretti sixties è un'altra punk pop song da tenere a mente così come Wednesday night melody e la ruffianissima Sour candy, perfetta come potenziale singolo apripista. Ogni tanto le bleached-nicole-anne-robbins2Bleached provano a entrare nei territori  garage (Trying to lose myself again e Wasted on you) ma in generale la voce della lead spinger Jennifer non risulta particolarmente sporca per affrontare sonorità così ruvide. Anzi più che i vermi promessi dal titolo del disco qui escono delle vere melodie pop della miglior specie (vi dice nulla il nome delle Shangri-Las?). Paragone da non prendere alla lettera, piuttosto serve ad avvicinare qualcuno in più a un disco che si manda giù con piacere, sia ascoltato correndo in auto che su una spiaggia assolata,  non necessariamente quella californiana di Venice o Santa Monica. 

Voto: 7/10
Ricardo Martillos

Audio

Video

Inizio pagina