Migliora leggibilitàStampa
11 marzo 2017 , ,

Ahmed Malek & Flako

THE ELECTRONIC TAPES

2017 - Habibi Funk Records
[Uscita: 24/02/2017]

Algeria-Germania 

 

a3553498187_16Ahmed Malek, scomparso nel 2008, è stato un compositore algerino, direttore dell’orchestra televisiva nazionale d'Algeria per tre decenni; ha scritto per il cinema, la tv ed ha rappresentato il suo Paese in diversi Expo e Festival nel Mondo. Lo scorso anno l’etichetta Habibi Funk Records aveva ristampato “Musique Originale de Filmes”, pubblicato originariamente in vinile nel 1978 dal Ministero dell'informazione e della cultura Algerina. Durante una visita per l'aquisizione dei diritti, Jannis Stürtz (patron della Habibi e della più conosciuta Jakarta Records) aveva avuto l'occasione di incontrare la famiglia del musicista e di guadagnarsene la simpatia al punto tale da ricevere in dono, oltre a delle foto di alto valore affettivo, 30 bobine a nastro con registrazioni inedite. Erano presumibilmente risalenti alla fine degli anni ‘70 ed i primi ‘80, anni in cui Malek aveva cominciato a registrare esperimenti di ambient music con diversi sintetizzatori accostati occasionalmente a qualche batteria elettronica e field recordings. Materiale assolutamente innovativo che non ci si sarebbe mai aspettato provenire dal Nord Africa di quei tempi, un suono che richiamava quello dell'elettronica e della prima avant-garde europea.

 

160309_inlay_vinyl-610x308Tuttavia il resto dell'immensa mole di registrazioni di Ahmed Malek (nella foto a destra) risultava essere un insieme di demo incomplete o di idee buttate giù in attesa di essere sviluppate, così un paio di estratti finirono sul soundcloud dell’etichetta  (con la dicitura Arabic Proto Electronic Music unreleased) e l'idea della pubblicazione venne per il momento accantonata. Fino a quando non è entrato in gioco il beatmaker tedesco di origine cilena D.Rojo Guerra aka Flako (nella foto sotto a sinistra), il quale innamoratosi di quegli estratti, ha chiesto a Jannis Stürtz di ascoltare il resto dei nastri ed in seguito di poterci lavorare su, in modo tale da tirar fuori un album da Flakoquella "raccolta di idee". Il risultato è questo "Electronic Tapes" un album di 17 tracce, che il giovane producer ha selezionato ed editato, aggiungendo suoni di cui sentiva naturalmente la mancanza: linee di basso, qualche synth, a volte anche percussioni, il tutto senza stravolgere l'atmosfera delle composizioni originali. L'approccio organico e spontaneo viene confermato dal fatto che nell'ascolto resta difficile percepire i nuovi strati sonori aggiunti, a meno che non si sappia riconoscere immediatamente il timbro di un Korg Ms-20 o di un Roland sh-2000, entrambi usati da Flako per "completare" quest'opera.

Voto: 7/10
Stefano Sperandii

Audio

Video

Inizio pagina