Migliora leggibilitàStampa
30 marzo 2015 , ,

The Prodigy

THE DAY IS MY ENEMY

2015 - Take Me to the Hospital -Cooking Vinyl
[Uscita: 30/03/2015]

Inghilterra

 

The-Prodigy-The-Day-Is-My-Enemy-HOSPCD005_webA distanza di ben sei anni dall'ultimo “Invaders Must Die”  The Prodigy decidono di riprendere in mano le redini di tutto ciò che avevano lasciato tempo addietro. Questo nuovo “The day is my enemy” presenta tutte le caratteristiche che meglio li hanno definiti nel corso degli anni. Dai riff tormentati ripetuti serialmente alle poche frasi di testo modulate con il computer, tutto il disco si presenta senza molti fronzoli, spartano, ma nel contempo ben studiato e pensato in maniera minuziosa. La opening title-track è un omaggio all'omonimo brano scritto da Cole Porter per il musical degli anni '30 “Anything goes”, ed anticipa lo stampo heavy del disco intero. Il singolo Nasty è un pezzaccio spaccatimpani dal ritmo incalzante che fa venire voglia di pogare. 

 

Ibiza è nato dalla collaborazione con il duo electro-punk di Nottingham Sleaford Mods, uno dei brani meglio studiati dell'intero album. Ha un testo più articolato rispetto agli standard della band, si scaglia contro i disc jockey superstar ed il mondo fatuo che li circonda. Dopo Destroy - una sorta di filler - Wild Frontier, uno dei brani meglio riusciti music_the_prodigy_pressdell'intero disco, un tripudio di elettronica. La seconda collaborazione del disco è con il polistrumentista Joshua Steele aka Flux Pavilion: Rhythm the Bomb è di stampo dance, nello stile tipico del gruppo di Braintree, con tutte le caratteristiche per diventare una potenziale hit. Get Your Fight On  fonde ritmo martellante e un saggio utilizzo del synth, quasi in medley con il giro orientaleggiante di Medicine che segue a ruota. Il disco si chiude con la roboante Wall of Death, uno dei brani più potenti dell'intero disco.

 

Voto: 7/10
Andrea Gignone

Audio

Video

Inizio pagina