Migliora leggibilitàStampa
29 agosto 2017 , , ,

Nadja

STRIPPED

2017 - Autoproduzione
[Uscita: 07/07/2017]

Canada-Germania

 

nadja a2077321622_10Stripped è un lavoro che originariamente avrebbe dovuto costituire il settimo ed ultimo LP di un progetto più ampio, denominato “Drone Compendium”, dedicato alla forme molteplici del drone. Nadja sono un duo canadese, nato nel 2003 a Toronto, trapiantatosi a Berlino, composto da Aidan Baker (chitarra, flauto, voce) e Leah Buckareff (basso, accordion, voce). La loro musica, costituita da componenti ambient e drone è stata catalogata spesso come psych drone o metalgaze, sebbene loro abbiano sempre preferito il termine dreamsludge, che associa l’idea della pesantezza a quella del sogno. Della sterminata produzione dei Nadja (escludendo quella altrettanto voluminosa di Aidan Baker e delle sue innumerevoli collaborazioni) vanno segnalati “Touched” (2003), “Bodycage” (2005), “Thaumogenesis” (2007) e “Radiance of Shadows” (2007). Quest’ultimo Stripped riprende le sonorità dei primi album riproponendole in versione acustica e spogliandole da tutti gli strati di rumore sovrapposti. E’ come se delle tempeste drone doom dei brani originari Aidan Baker avesse cercato di recuperare l’anima senza rinunciare all’oscurità che emerge dal fondo.

 

Clinodactyl, estratto da Bodycage (2005), parte con un lungo intro che si trasforma in una trama melodica particolarmente suggestiva che evoca l’oscurità di certe atmosfere nordiche. Alien in My Own Skin (estratto da "Numbness: A Singles Collection", 2009) enadja Breakpoint (da "Truth Becomes Death", 2005) si sviluppano come brani folk dalle trame dilatate e rallentate. La seconda parte dell’album contiene due brani di Touched (2003), di cui Stays Demons sembra voler evocare i demoni che albergano nel profondo dell’anima, mentre il flauto di Flowers of Flesh evoca ancora le atmosfere gelide e cupe dei territori del nord. Anche I Make from Your Eyes the Sun (estratto dallo split "Primitive North”, 2009) si sviluppa come una ricerca introspettiva delle zone più buie della propria interiorità. Stripped è un album che rilegge i brani più vecchi e apprezzati del musicista canadese per riproporli in una versione acustica per certi versi ancor più suggestiva.

Voto: 7/10
Felice Marotta

foto 2: di Ana Petrovic

 

Official    Social  

 


 
 

Audio

Inizio pagina