Migliora leggibilitàStampa
28 novembre 2013 , ,

Nils Frahm

SPACES

2013 - Erased Tapes
[Uscita: 18/11/2013]

nils_frahm_spaces# Consigliato da Distorsioni

 

Se non avete ancora scoperto  la magia della musica di Nils Frahm, questa è un’ottima occasione per conoscere uno dei migliori pianisti contemporanei, capace di interpretazioni che esprimono phatos e sperimentazione, tenute insieme da un eleganza e un’ espressività che ne fanno tra i compositori di punta della scena neoclassica. Dopo svariate collaborazioni che lo hanno visto a fianco di artisti come Peter Broderick, Anne Müller, Efterklang e Ólafur Arnalds, il giovane talento tedesco giunge alla soglia dei 30 anni pubblicando quello che per ora è il suo lavoro più complesso. “Spaces”, registrato in presa diretta nell’ arco di due anni in luoghi sempre diversi, come diversi sono i mezzi usati dal pianista berlinese, non fa altro che confermare, se ancora ce ne fosse bisogno, che Nils Frahm è senza alcun dubbio uno dei compositori più talentuosi di oggi. Dopo “Screw” del 2011, disco intimo e scarno, il giovane artista originario di Berlino pubblica il suo nuovo lavoro ancora una volta su Erased Tapes, mostrando  però un’ evoluzione stilistica che lo trascina verso nuovi sentieri melodici e sperimentali.

 

frahm“C’è una sorta di scambio di energia quando ti trovi a suonare davanti alla gente”, dice Nils. Un’ energia che viene fuori da queste composizioni  che come pioggia sui vetri scivolano delicate e ammalianti, violente e sferzanti, ricche di improvvisazione e sensazioni glaciali. E’ l’elettronica il vero elemento innovativo che fa di questo lavoro un disco intenso e affascinante che penetra lo spazio come un fascio di luce abbagliante. E’ dunque quello di Nils un minimalismo in continua evoluzione che attinge dall’ intimità della musica classica contemporanea e da un approccio musicale del tutto personale. Said And Done e Hammers suonano come i momenti più ispirati del disco, Says ha tessiture melodiche memori di autori come Terry Rliey e Philip Glass. La musica di Nils Frahm  è architettura sonora di delicate melodie di pianistiche opposte  ai suoni gelidi del sintetizzatore. “Spaces”  è a tratti disco difficile, con sequenze melodiche che s’intrecciano a sperimentazione (Says, For - Peter - Toilet Brushes - More e Ross’ s Harmonium), ma offre anche brani ricamati di semplicità (Went Missing,  Familiar e Over There, It's Raining).

 

Voto: 8/10
Michele Passavanti

Video

Inizio pagina