Migliora leggibilitàStampa
5 luglio 2017 ,

The New Year

SNOW

2017 - Undertow
[Uscita: 28/04/2017]

Stati Uniti

 

“Snow” è il quarto LP di Matt e Bubba Kadane, gli ex-Bedhead fondatori dei  New Year. Registrato a Chicago e a Denton il lavoro è simile agli altri della band, anche se la formazione ha cambiato totalmente la sezione ritmica. Nove anni sono passati dall’ultimo disco datato 2008. Snow ha la freschezza di un disco d’esordio; intelligente, ricercato, semplice negli arrangiamenti e con quella reminiscenza molto nineties che riporta adolescenti molti fan che lo erano in quella irripetibile stagione di capolavori indie rock. Parlando dei disco Matt e Budda hanno spiegato molto in una loro intervista «Le canzoni come Dead and Alive e Homebody sono state scritte sette o otto anni fa. Nulla di loro è cambiato musicalmente. Canzoni come Snow, Myths, The Party's Over e The Beast hanno attraversato diversi cambiamenti, arrangiamento e registrazioni. Se dovessi riassumere alcune delle differenze con questo album, direi che abbiamo consapevolmente deciso, di allungare alcune canzoni più di quanto avremmo potuto fare dieci anni fa e la tavolozza tonale è un po diversa rispetto al passato con le tastiere che assumono un ruolo più importante»

 

Quindi il materiale di Snow è poco recente, ma è anche abbastanza normale visto che dopo “The New Year” che uscì per Touch And Go i fondatori della band hanno dichiarato di aver fatto altro nella vita. La musica risente di tanto certo rock indipendente alla snowSebadoh, Codeine o Pavement (Dead or Live e Snow in particolare) e in canzoni come The Beast i nostri sembrano riavvolgere il nastro dei ricordi e rievocare un passato ormai remoto. Il genere nel quale i media e i critici avevano deciso di inserire il sound dei The New Years era lo slowcore: il pezzo che più si addice a questa etichetta è senz’altro Myths, il migliore a nostro avviso. Le dieci canzoni che compongono  l'album sono comunque altrettanto ben ispirate e il disco si ascolta con malinconia come quando si guarda un album fotografico. Accompagnato da testi introspettivi (gli strumenti come le chitarre sono a volte taglienti, a volte delicate, e il pianoforte elettrico si incastra bene nella una sezione ritmica) Snow guarda al passato e ad ogni elemento che ha reso la band importante in questi anni. Ne sono passati sì nove ma ne è valsa la pena. 

 

Voto: 7/10
Mauro Tomelli

Official     Social   

Undertow    


Audio

Video

Inizio pagina