Migliora leggibilitàStampa

Bonnie "Prince" Billy

SINGER’S GRAVE A SEA OF TONGUES

2014 - Drag City
[Uscita: 23/09/2014]

USA                                                                                   # Consigliato da Distorsioni

cover bonnieprinceBonnie “Prince” Billy, è musicista statunitense tra i più prolifici di sempre per la sua inarrestabile sete di musica che lo ha portato negli anni a creare una serie di progetti paralleli, a incidere dischi sotto tanti pseudonimi (Palace, Palace Songs, Palace Brothers, Will Oldham) e intrecciare varie collaborazioni. Questa frenesia artistica non gli ha permesso di fare il salto di qualità definitivo che meriterebbe: a lui probabilmente non importerà molto di questo, la sua idea di arte e di musica è perfettamente in linea col personaggio, schivo e solitario. I suoi fan lo hanno capito bene e lo seguono con affetto permettendogli di continuare a sperimentare. Il suo ultimo album, “Singer's Grave a Sea of Tongues”, il quindicesimo, è arrivato in sordina, senza troppo clamore, come spesso accade quando di mezzo c'è BPB. E' un disco che riprende e ritocca brani tratti soprattutto dall'album del 2011 "Wolfroy Goes to Town" o incisi nello stesso lasso di tempo. 

 

Solo due inediti a chiudere il disco: New Black Rich (Tusks) e Sailor’s Grave a Sea of Sheep, in perfetta linea con il resto del lavoro e tra i pezzi migliori dell’artista di Louisville. L'artista rivisita in maniera significativa i brani riproposti, dimostrando maturità e intensabonnie ispirazione. Protagonista è sempre il folk/country, diventato un marchio di fabbrica, con un mood più incisivo, sottolineato da accordi aggressivi, dall'abbandono di strumenti acustici e dall'utilizzo di suoni e strumenti vari (pedal steel, violini, banjo, cori). Pezzi come Night Noises o So Far and Here We Are, che aprono il disco, acquistano nuova linfa e coinvolgono: anche quando si passa, a metà del disco, a tracce lente e intime, Singer's Grave a Sea of Tongues non perde fascino, le canzoni catturano alla stregua di diapositive, è la colonna sonora di un film ambientato nella profonda America. Atmosfere ingiallite e crepate dal tempo si amalgamano perfettamente alla voce profonda di Bonnie e ai testi (We Are Unhappy), impregnati di lucida solitudine e malinconica realtà. Un disco che fa intravedere una nuova verve nell’artista.

 

Voto: 7/10
Sisco Montalto

Drag City - Bonnie Prince Billy 

 

Articoli correlati: Bonnie “Prince” Billy su Distorsioni Blogspot


Video

Inizio pagina