Migliora leggibilitàStampa
29 ottobre 2014 , ,

Gino and the Goons

SHAKE IT!

2014 - Black Gladiator-Slovenly Recordings
[Uscita: 28/10/2014]

USA                                                                           # Consigliato da Distorsioni

ginoAscoltare la musica di Gino and the Goons è un po’ come partecipare alla festa di fine anno di un college americano. La formazione stessa sembra più una lista di invitati che un vera e propria band. I padroni di casa sono quattro, ma attorno a loro ruotano una quantità pressoché indefinita di ospiti che, in modo più o meno continuo, partecipano alla baldoria. Il gruppo, che viene dalla Florida (Tampa) non ha pretese di nessun tipo, se non quella di fare casino e far divertire chi li ascolta. E ci riescono. I loro pezzi scorrono lisci come un bicchiere di rhum e pera e sballano l’ascoltatore quanto una gara alcolica. E non bisogna pensare, perché è l’ultima cosa che va fatta quando ci si vuole divertire sfasciandosi il fegato. Un rock violento e grezzo, Chuck Berry-ano sino al midollo, la stessa energia esplosiva scuote ogni minuto del cd.

 

Le tracce si susseguono a ritmo di live, serrate e cariche di feedback di chitarra. Il riff iniziale di chitarra di Check this out è semplicemente perfetto. Il cantante sembra capitato lì per caso, non troppo sicuro di quali siano le paroleGinotheGoons-4 da cantare: in questo contesto si sposa magnificamente con lo spirito del disco, e lo rende ancora più credibile. Tutto, dal titolo del cd (“Shake it!”) alla sua durata (una ventina di minuti, il tempo che dura il live di una band liceale ad un concerto scolastico) contribuisce a creare un’atmosfera goliardica e adrenalinica. Questa è musica d’assalto, che non fa prigionieri e che non promette nulla all’ascoltatore: gli chiede soltanto di lasciarsi andare e di non prendere nulla troppo sul serio. Se si ha bisogno di staccare la spina, di rilassarsi prendendosi una sbronza, di avere mezz’ora di “vuoto totale”, questo è il cd ideale da inserire nello stereo.

 

Voto: 7/10
Lorenzo Berretti

Audio

Video

Inizio pagina