Migliora leggibilitàStampa
27 febbraio 2018

Eminem

REVIVAL

2017 - Interscope
[Uscita: 15/12/2017]

Stati Uniti

 

eminem CoverRevival, l’ultimo sforzo compositivo di Eminem, plurimiliardario rapper originario del Missouri è un torrenziale album di diciannove pezzi per quasi ottanta minuti di durata, prodotto come d’abitudine dal presenzialista Rick Rubin e dal sodale Dr. Dre. Dal primo ascolto pare chiaro come Mr. Mathers non abbia alcuna intenzione di stupirci con grosse novità: il suo stile resta quello logorroico e aggressivo che gli ha fruttato il titolo decisamente usurpato secondo noi, di “King Of Hip-Hop”, gentilmente offertogli dalla rivista modaiola Rolling Stone. Gli argomenti trattati sono quelli classici per lui, un misto di rimorsi, politica un tanto al chilo, testosterone in overdose, le basi oscillano tra il trito rock vintage (con buona pace della povera Joan Jett, campionata banalmente in Remind Me) di chiara marca DEF JAM, ma son passati decenni, è easy listening inoffensivo. 

emiUn folto gruppo di “guest stars” è stato chiamato a fornire il proprio contributo: nell’opener Walk On Water compare Beyoncè, che, accompagnata dal piano, declama un bluesettino scipito, circondata dalle geremiadi di Eminem, intento a interrogarsi sul perché da lui ci si aspetti così tanto. Ed Sheeran presta la sua voce nasale a River, altra ballata con piano, buona per le radio mainstream, Skylar Grey fa il verso alla desaparecida Dido in Tragic Endings, Kehlani si lascia trascinare nella pessima Nowhere Fast, con tanto di archi. Non ci è piaciuto affatto questo Revival. Non se ne sentiva il bisogno. Probabilmente era l’artista stesso a sentirne il bisogno, se diamo retta a quanto rappa in Believe, pezzo in cui si chiede ossessivamente come sia possibile mantenere le motivazioni per restare al top quando lo si è già fatto abbondantemente.  

 

Voto: 5/10
Luca Sanna

Video

Inizio pagina