Migliora leggibilitàStampa
14 agosto 2016

Morgan Delt

PHASE ZERO

2016 - Sub Pop Records
[Uscita: 26/08/2016]

Stati Uniti  #consigliatodadistorsioni     

 

a3191513484_16C’è una copertina fantastica ad accompagnare la nuova pubblicazione di Morgan Delt. L’esordio a cavallo tra il 2012 e il 2013 con un 7 pollici autoprodotto, arriva poi l’anno seguente il primo album omonimo su Trouble in Minds e un tour di spalla a gente come Flaming Lips e Tame Impala. Roba per cui molti metterebbero volentieri la firma.  Oggi il passaggio alla celebre Sub Pop segna la consacrazione di uno degli autori che insieme a personaggi come Mikal Cronin, Doug Tuttle e Jacco Gardner meglio rappresentano il nuovo corso del pop psichedelico. Come due anni fa, del giovane di base a Los Angeles conosciamo ben poco. Si sa che è un appassionato di fantascienza e di graphic designer. Il resto che ci occorre sapere, invece, è racchiuso in queste nuove dieci tracce che ancora una volta mettono le cose in chiaro: Morgan è uno che non ha paura di sperimentare. La riprova è questo “Phase Zero” dai risultati pregevoli, come ascoltare dei Byrds diluiti in atmosfere ancora più sognanti, o dei Buffalo Springfield in espansioni visionarie. Rispetto al disco precedente le melodie prendono il sopravvento, il tutto è più equilibrato, disteso.

 

morgandelt-2016-promo-07-mattdraper-600_7Ne viene fuori una raccolta di canzoni impeccabili, fresche, che confluiscono una dentro l’altra. Una fascinosa combinazione di idee, sapori e colori ipnotici capaci di catturare l’ascoltatore grazie a un sound preciso e ricco di suggestioni lisergiche.  Con una maturità ormai raggiunta, Morgan Delt piazza un suggestivo quadro sonoro fatto di splendide armonie vocali, chitarre levigate, bassi gommosi, spasmi psichedelici e fraseggi folk siderali. Un approccio lievemente lo-fi e una lentezza quasi inesorabile regolano l’intero lavoro. C’è anche un senso di libertà e la volontà di uscire da certi schemi ben precisi a dare forma a tutto. Il primo singolo estratto è anche il pezzo che apre il disco: I Don't Wanna See What's Happening Outside, dotato di un sound morganstuzzicante che detta le coordinate dell’intero album. The System of 1000 Lies e Another Person aprono a scenari visionari. Si accelera con Sun Powers, un vortice di pulsazioni eteree che lascia spazio a uno dei brani meglio riusciti, The Age of the Birdman, che insieme a Mssr. Monster e Escape Capsule rappresenta i vertici  di un disco che ad ogni ascolto offre qualcosa di nuovo. Phase Zero è un lavoro curato al minimo dettaglio che per certi versi segna anche un’evoluzione rispetto alle bizzarrie del precedente lavoro. È consigliato l’ascolto in cuffia. 

Voto: 8/10
Michele Passavanti

Audio

Video

Inizio pagina