Migliora leggibilitàStampa
23 giugno 2012 , ,

Black Tambourine

ONETWOTHREEFOUR (EP)

2012 - Slumberland Records
[Uscita: 15/05/2012]

Black Tambourine “ONETWOTHREEFOUR Quattro covers dei Ramones. È questo il contenuto dell'EP che i Black Tambourine hanno inciso per commemorare i vent'anni di vita di “Chickfactor”, fanzine manifesto dell'indie-pop, fondata e diretta dalla cantante Pam Berry, che ha privilegiato quest'attività, di un certo successo, a quella musicale. D'altronde, anche il chitarrista Mike Schulman, sin dal 1992 si è occupato più che altro della sua casa discografica, la stessa Slumberland Records che pubblica questo disco. Quindi ci troviamo di fronte alla reunion di un gruppo che ha avuto vita brevissima, ha inciso pochissimo, eppure viene citato come uno dei più influenti nel suo genere, che, chiariamolo una volta per tutte, è una specie di noise-pop in cui la voce “spectoriana” di Pam Berry emerge vezzosa da un tappeto di feedback ingentilito da coretti a base di “oh yeah, oh yeah, oh yeah”.

 

Una ricetta che, dall'altra parte dell'Oceano Atlantico ha fatto la fortuna di Jesus & Mary Chain, per dire un nome a caso e che oggi viene ripresa, facendo le dovute proporzioni, da gruppi come Dum Dum Girls, Crystal Stilts e The Pains Of Being Pure At Heart. I quattro pezzi scelti nello sterminato repertorio dei gloriosi fratellini Ramone sono I Want You Around, What's Your Game, I Remember You e I Wanna Be Your Boyfriend, che ricevono un trattamento piuttosto radicale e si trasformano in cantilene malate intinte in un pinzimonio di feedback e armonie vocali, secondo lo stile “twee-pop” che contraddistingueva il suono dei Black Tambourine vent'anni fa e che risentiamo oggi. Niente di nuovo, quindi, ma un piacevole ascolto, che spiace sia circoscritto alla decina di minuti di durata dell'EP. 

Luca Sanna

Video

Inizio pagina