Migliora leggibilitàStampa
3 marzo 2016 , ,

Chippendale-Gustafsson-Pupillo

MELT

2016 - Trost Records
[Uscita: 22/01/2016]

Italia-Stati Uniti-Svezia    #consigliatodadistorsioni  

 

melt cover 2Cosa spinga Massimo Pupillo (bassista dei valorosi Zu, e con all’attivo collaborazioni di eccelso livello con artisti del calibro di Peter Brotzmann, guru del free jazz europeo, Thurston Moore dei leggendari Sonic Youth, Jim O’Rourke, Gastr Del Sol), Brian Chippendale (batterista e cantante newyorchese dalla voce al vetriolo dei Lightning Bolt) e Mats Gustafsson (sassofonista svedese, anch’egli fido collaboratore di Brotzmann, e figlio delle sonorità avant-jazz di un Ornette Coleman) è facile intuirlo: la voglia incoercibile di sperimentazione sonora e di ricerca di nuovi e stimolanti sentieri nell’ambito della musica d’avanguardia.

L’esito, per l’etichetta austriaca Trost, è un album dalle soluzioni estreme, Melt,  che unisce gli stilemi del free jazz più impervio e del rock portato a livelli di parossistica torsione, ai limiti del delirio fonico. 

 

Tre tracce -di cui due lunghe quanto un album- di puro satanismo musicale, con i musicisti ebbri dello spirito dionisiaco della sperimentazione più efferata. A partire dalla temibile Faces Of Fear. Transformed. Melted, ben trentadue minuti di venefico amalgama tra sax tenore, batteria compulsiva, basso catatonico, con spruzzi acidi di elettronica. 

Non dissimile, in quanto a portata 8b4c8d5b15distruttiva, è la successiva Flesh.Transformed. Melted., con la voce di Chippendale come centrifugata e immersa in soluzioni di soda caustica, il sax modulato su timbri infernali, una sezione ritmica da incubo lovecraftiano, quarantasei minuti di follia sperimentale. La voce disumana di Brian Chippendale, inaugura l’ultima traccia dell’album, Melt, prima di cedere il passo al coacervo sonoro rappresentato dalla sua stessa tellurica batteria, dal basso potente e come pulsante dal sottosuolo di Pupillo, dal sax bruciante del prodigioso artista svedese. Un album estremo, di pura devastazione sonica, ma di eccellente qualità artistica. 

 

Voto: 7.5/10
Rocco Sapuppo

Audio

Video

Inizio pagina