Migliora leggibilitàStampa
9 agosto 2015 , ,

Dave McGraw & Mandy Fer

MARITIME

2015
[Uscita: 03/03/2015]

Stati Uniti   #consigliatodadistorsioni   

 

517hLOPhoNL._SS280Una delle cose più belle ed affascinanti della musica rock sono sempre state le coppie di artisti formati da un uomo ed una donna. Ce ne sono state molte e tante altre ne verranno. Da quelle leggendarie di Bob Dylan/Joan Baez e Paul Kantner/Grace Slick passando di là dall'oceano con Richard e Linda Thompson e le loro mirabili creazioni. La figlia di quest'ultimi due, Kami, ha formato con James Walbourne i bravi Rails di cui ci siamo occupati su queste pagine. Dote fondamentale per la perfetta riuscita di un duo musicale è ovviamente possedere delle voci immacolate ed in perfetta sincronia. Caratteristiche che si adattano a perfezione per i due magnifici Dave McGraw e Mandy Fer. Con quei cognomi parrebbe scontato inquadrarli come inglesi o scozzesi o irlandesi ed invece sono di San Juan Islands, nello stato di Washington, Usa. Hanno l'aspetto di due persone simpatiche ma quello che conta hanno un senso per la melodia unico.  Esordirono nel 2012 con l'ottimo "Seed of a pine" (2012) con un ospite illustre come il grande Peter Mulvey, sulle tracce di quel filone musicale che molti chiamano Americana. Con questo "Maritime" i due sono andati addirittura oltre, regalandoci 12 canzoni che regalano forti emozioni d'ascolto. Sia che le due voci viaggino all'unisono che quando una delle due viene lasciata libera di volare alta, è sempre magia quella che viene fuori dai solchi di questo disco.

 

photo-originalNei momenti in cui Dave e Mandy uniscono le loro affascinanti corde vocali vengono fuori cose di una bellezza struggente come Carillon, una delle (tante) vette del disco, col violoncello di Sarah Von Dassow in evidenza, Conspiracy of ravens o come la delicata Helicopter subito in apertura. Molto spesso però è Mandy Fer a impossessarsi della lead vocal ed allora ecco fascinose storie chiamate Compass, Could be ghost, Silence e Tide moon ship horn, ovvero la perfetta testimonianza di una delle voci più profonde ed intense dell'attuale panorama americano. Che tra l'altro se la cava DaveMcGraw&MandyFerbenissimo anche alla sei corde elettrica. Negli episodi  più scarni ed acustici è McGraw a prendere il comando delle operazioni, succede in Morning song, in Rain on Rosemary  e nella chiusura malinconica di Victoria, ad inseguire un fantasma di Tanworth-in-Arden chiamato Nick Drake. Un bellissimo finale. Maritime è quanto di meglio uscito quest'anno a livello puramente vocale, un disco praticamente perfetto, un vero incanto in 12 quadretti dalla grande forza evocativa, la stessa della bella copertina. Fatevi conquistare.

 

Voto: 8/10
Ricardo Martillos

Audio

Video

Inizio pagina