Migliora leggibilitàStampa
25 settembre 2017 , ,

Oh!Gunquit

LIGHTNING LIKES ME

2017 - Autoproduzione
[Uscita: 22/05/2017]

Inghilterra

 

a3759195355_10Rockabilly, sci-fi e surf-punk: questo è il cocktail “danzereccio” proposto dalla band londinese Oh!Gunquit anche nel suo secondo full lenght autoprodotto, “Lightning Likes Me”. In questo lavoro il gruppo inglese offre un account dettagliato e preciso di quello che può essere il rock’n’roll nel ventunesimo secolo: il tappeto di sassofono, dispiegato su ritmiche veloci e riff di chitarra sporchi e meravigliosamente lo-fi, si sposa a meraviglia con la ruvida voce femminile di Tina Swasey (che si destreggia molto bene anche con la tromba), sortendo una freschezza espressiva notevole, alla Blondie tanto per intenderci e rimanendo al femminile.

Sorvolando sull’esplosione di rosa shocking decisamente kitsch che si ammira in copertina, nel procedere delle dieci tracce si mescolano elementi di West Coast (So Long Sucker, Nomad of The Lost, Fireballs), ska 2Tone (l’assolo di sax di Suxy Don’t Stop pare uscito oh gunquitda una qualsiasi canzone dei Madness), northern soul (l’incedere cadenzato di Never Sorry), blues (Walking The Streets, Greasy Moves), punk (Captain of the Creeps) fino al mood di Smiling Snake che ricorda le pellicole di 007 e film di science fiction. Il tutto sapientemente amalgamato con generose dosi di energia e divertentismo che rendono questo Lightning Likes Me un album godibile, mai noioso e capace di riportare l’attenzione su un genere che forse sta pian piano scomparendo dai radar. 

 

Voto: 6.5/10
Riccardo Resta

Audio

Video

Inizio pagina