Migliora leggibilitàStampa
10 gennaio 2019 ,

Mark Sultan

LET ME OUT

2018 - Modern Sky/Dirty Water Records
[Uscita: 12/10/2018]

Canada

 

mark sultan imageMark Sultan, mattatore della scena garage d’oltreoceano canadese, in passato collaboratore di King Khan (a nome King Khan & The Bbq, la cui uscita più recente, “Invisible Girl”, è del 2009) rivive con “Let Me Out” le sue scorribande musicali (vissute tra le fila di Les Sexareenos, Spaceshits, Almighty Defenders, The Ding Dongs) raccogliendo materiale inedito che risale perfino al 1995. La consistenza della musica non cambia: rock’n’roll di estrazione popolare, punk blues rancido, pop psichedelico della prima ora, suonati con quella sincerità e passione che hanno sempre ripagato Mark Sultan. Dopo “Bbq” dell’anno scorso, che lo aveva visto ritornare sulle scene come solista a sei anni di distanza da “Whatever I Want” (2011) l’artista fa il pieno di fuzz e farfisa (Coffin Nails, Heed This Message, Don’t Bother Me), perdendosi nel groove psichedelico di un lamento amoroso (The Other Two), in una cantilena western-psych (Everybody Knows), o nello psycho-billy più accattivante che si risolve in hook melodici (Believe Me, Let Me Out, Humiliation).

Seguendo  le orme di Roky mark sultan 1imageErickson (Black Magic) o di Sky Saxon (Wasting Away, Tragedy) Sultan imposta melodie complesse e raffinate sul linguaggio diretto e selvaggio del garage-rock, scegliendo soluzioni mai banali per un genere che spesso cade vittima dei propri cliché. “Let Me Out” è l’atto di rivincita di uno dei più onesti interpreti dell’underground nordamericano, il cui titolo la dice lunga sulla voglia di riscatto dell’artista. Una conferma gradita per il panorama garage-rock tradizionale, che si conferma in un ottimo stato di salute.  

Voto: 6/10
Ruben Gavilli

Mark Sultan   Social

Dirty Water Records

  

Mark Sultan  su Distorsioni Blogspot 


Audio

Video

Inizio pagina