Migliora leggibilitàStampa
19 gennaio 2012 ,

Wounded Lion

IVXLCDM

2011 - In The Red Records
[Uscita: 8/11/2011]

 # Consigliato da DISTORSIONI 

Rozzi e alquanto incazzati. Suonano così i Wounded Lion. Giungono alla seconda pubblicazione per affermarsi come una delle creature più inquietanti del panorama indie americano. Direttamente dal sottosuolo di Los Angeles una delle formazioni  che sta mixando alla grande hard-core,  glam  e  post punk,  dimostrando di essere cresciuta in fretta rispetto all'esordio omonimo del 2009. "IVXLCDM"  è un vero terremoto metropolitano! Un disco tossico e fresco allo stesso tempo capace di inchiodare alla sedia

l' ascoltatore. Dall'iniziale  Monkeys alla conclusiva Oh Jim (cover di un vecchio brano di Lou Reed da “Berlin”), passando per  Roman Values, Wyld Parrots, I'm Sad, Raincheck Vibrations, alcuni dei momenti migliori del disco, sarete investiti dalla potenza sonora di un basso schizofrenico, una batteria nevrotica, una chitarra acida e corrosiva e una voce sempre al limite della pazzia, per un suono totale e ruggente che evoca  Wire,  Talking Heads ed Husker Du. Si allargano  a cinque i componenti della band che vede ora l'inserimento di Lars Finberg degli Intelligence alla batteria. Di essi di  ben tre vantano il basso tra gli strumenti adoperati: vibrazioni  potenti come un vulcano in eruzione;  la bass-guitar è veramente il cuore pulsante di questo secondo lavoro della band di Los Angeles. Brad Eberhard (vocals, guitar) Lars Finberg (drums) Raffi Kalenderian (vocals, percussion, bass) Shant Kalenderian (guitar, bass, vocals)  Jun Ohnuki (bass, drums, organ, percussion) mettono su inoltre  spettacoli dal vivo molto divertenti e  video clip al limite della follia. Altro che leoni feriti!

 

 

 

 

 

 


Michele Passavanti
Inizio pagina