Migliora leggibilitàStampa
20 dicembre 2017 , , ,

Escape-Ism

INTRODUCTION TO ESCAPE-ISM

2017 - Merge Records
[Uscita: 10/11/2017]

Stati Uniti   #consigliatodadistorsioni     

 

escapeism_900-1504023483-640x640"Escape-Ism "is the Found-Sound Dream-Drama starring Ian Svenonius". E' a pelle affascinante anche se suscettibile di interpretazioni l'autodefinizione che il carismatico-iconico artista di Washington, D.C. dà nel profilo social ufficiale del suo nuovo moniker, che titola anche questo primo straordinario album solista, "Introduction to Escape-Ism", anticipato dal frenetico/urgente singolo (Almost Anyone) Can Have My Love. Svenonius pare inarrestabile: posseduto (come sempre) da irrefrenabili smanie 'live' ha rimesso su di recente i suoi Make-Up (seconda metà anni '90), e ha di nuovo portato il sermoneggiante Gospel Yeh-Yeh di questa band sulle assi dei palchi di tutto il mondo, ma si sta esibendo anche come Escape-Ism (anche in Italia, in Dicembre 2017) e con Chain And The Gang, sua creatura relativamente più recente (alcune date nel nostro paese in Febbraio 2018). 

Il escapism201712401nostro sfacciato panegirico del lungo percorso artistico di Svenonius è rintracciabile in una lunga recensione linkata qui sotto (Chain And The Gang: "In Cool Blood", 2012, K Records, Secretly Canadian). Qui ci limitiamo a sottolineare l'ennesima alta qualità soul garage-lo fi di questo nuovo album-progetto che lo vede onanisticamente dedito quasi a tutto: le solite esaltanti/corrosive/deviate performances vocali, una basica/spastica chitarra elettrica, una perfida drum machine e sounds (cassette player). 

A coadiuvarlo solo F Bermudez (percussion, keyboards) e Zumi (sax, The stars Get in the Way They Took the Waves), oltre a un breve guitar solo di Cole Alexander in Lonely at the Top. 

"Introduction to Escape-Ism" suona tagliente con la sua fredda batteria elettronica, oscuro e minaccioso, allarmante e allarmato (Walking in the Dark, Iron CurtainCrime Wave Rock); esplora e sviscera il temibile sentiment che ne ispira il titolo, 5ed7d197160df8497d86eb05fb1ac6ebrinnegando il mood più positivo di Chain And The Gang e Make Up. L'escapismo come ultima speranza del terzo millennio nei suoi scarni trentuno minuti raccoglie con prepotenza, 40 anni dopo, il testimone del post punk e della wave americana più seminali e inquietanti (il 1977 dell'omonimo primo Suicide e il 1978 dei Pere Ubu di "Modern Dance"), resuscitando anche fantasmi punk Stooges (l'I Wanna Be Your Dog riff carta carbone di Rome Wasn't Burn in a Day). Pure Svenonius ne esce a tratti, al netto della sua debordante personalità, come il più attendibile erede dell'astratto minimalismo espressivo teorizzato dal compianto  Alan Vega. Un imperdibile affresco nichilista dei nostri tempi.

 

Voto: 8,5/10
Pasquale Boffoli

Audio

Video

Inizio pagina