Migliora leggibilitàStampa
28 gennaio 2015 ,

Snøffeltøffs

HOKUS POKUS

2015 - Snowhite-Rough Trade
[Uscita: 31/10/2014]

Germania

 

snofSnøffeltøffs, duo berlinese,  arriva all’esordio di “Hokus Pokus” dopo il primo EP “Female Dreams”. Julian e Florian (che si identificano rispettivamente con Snøff e Tøff) mettono in piedi 10 tracce all’insegna di quelle vibrazioni garage che negli ultimi tempi spopolano da una parte all’altra dell’oceano, richiamando il suono di colleghi americani come Frowning Clouds, Allah Las, Black Lips, ma mantenendo l’estetica urgente e sincera dell’approccio punk. Riducono  la strumentazione a chitarra, batteria, basso, a volte accompagnati da un organetto e un kazoo. Si è subito introdotti alle loro visioni urbane dal singolo Park Boys, perfetto manifesto di una musica che si nutre di modelli americani (sembrano aver digerito tutta la compilation “Nuggets” con il bicarbonato di casa Meat Puppets) e sa stare al passo con essi. 

 

Elbe-elDelta Blues unisce una filastrocca in lingua tedesca ad un hillybilly sgangherato; Hobocide e Beach Dreams calcano invece terreni jangle pop lisergici, così come El S. D.. Il beat urbano di Neu! Bar ci ricorda anche di chi Snøffeltøffs sono veramente figli, il garage pop sparato C’est la vie conduce verso derive nostalgiche. La conclusiva Make Me Worry esplode in un garage incattivito. Niente di nuovo sotto il sole, ma Hokus Pokus diverte, pensato per chi, come Snøff e Tøff, ama pogare e ballare su melodie veloci, limpide, nostalgiche e cattive al punto giusto.

Voto: 7/10
Ruben Gavilli

Audio

Inizio pagina