Migliora leggibilitàStampa
9 agosto 2012

Guillemots

Hello Land

2012 - Rough Trade
[Uscita: 07/05/2012]

guillemots hello landI Guillemots sono una quintessenza di raffinatezza musicale.  Giunta alla sua quarta fatica, dopo le atmosfere appassionate ed idilliache del primo album ("Through The Windowpane", Polydor/ Naive, 2006), le sfumature electropop del secondo ("Red", Polydor, 2008), la composta eleganza del terzo ("Walk The River", Polydor, 2011), la band di Birmingham colpisce ancora nel segno. La musica dei Guillemots vive di talento ed acutezza senza mai annoiare, e le sue peculiarità principali vengono in “Hello Land” - primo di un nuovo imponente progetto di quattro album di qui ad un annoestese, elaborate, definitivamente modellate; arrangiamenti, atmosfere, sonorità, songwriting, marchi di fabbrica esaltati ed enfatizzati con assoluta maestria. La varietà musicale è assicurata: la classe vocale di Fyfe Dangerfield pervade l'intero lavoro tra percezioni sognanti e liriche armoniose. L'inizio è scandito dal dream - pop di Up on the Ride, passando poi all'incanto di Fleet ed all'arpeggio malinconico di Southern Winds. Il folk acustico di Outside prosegue il percorso ed un brano come Bye Bye Land trascina l'ascoltatore tra paesaggi e sensazioni inesplorate, in bilico tra malinconia e speranza. Le brillanti I Lie Down e Nothing's Going to Bring me Down rifiniscono e chiudono l'ottimo lavoro. Consacrazione definitiva e piena maturità artistica per i Guillemots, "Hello Land"  li conferma artigiani di classe e talento: il dream - pop di stampo britannico ringrazia. 

Matteo " Jimmy Jazz " Giobbi

Audio

Inizio pagina