Migliora leggibilitàStampa
27 luglio 2014 , ,

Sunfighter

GOLDEN EAGLE OF ILLUMINATIONS

2014 - Bookmaker Records
[Uscita: 23/06/2014]

sunfighter                                                    # Consigliato da Distorsioni

Un tappeto di nuvole e lo sguardo arriva lontano ad un orizzonte infinito color arancione. Poi quel nome, Sunfighter. Il primo pensiero va al capolavoro di Kantner e Slick uscito nel 1971, secondo episodio della loro saga cosmico-ecologista ma soprattutto anti-sistema ed anti-imperialista. Ultimi vagiti e gridi di protesta che di lì a poco si smorzeranno.  Ma dietro questo Sunfighter si muove tutt'altra musica. Intanto c'è lui, Steven Siciliano, da Philadelphia ed il suo amore sconfinato per la psichedelia. E' uno dei tanti artisti tuttofare multi strumentista: suona tastiere, batteria, basso e chitarra. Non si fa mancare niente, un po' come il nostro geniale Trip Hill di cui Distorsioni vi ha narrato vita e miracoli recentemente. Si fa accompagnare solo da Peter Stanko alle tastiere e chitarre poi il gioco è fatto. Si è accasato con la Bookmaker Records, etichetta parigina dove si cucinano solo cose acide e dove si legge, "non hanno intenti commerciali e speculativi ma solo pure vibrazioni". Il disco che è venuto alla luce è una creatura affascinante a nome "Golden eagle of illuminations" e riprende alcuni titoli scritti per il suo precedente progetto a nome White Lodge. Questo nuovo album ha un titolo altisonante che promette molto ed altrettanto mantiene.  

 

Il disco si snoda attraverso otto brani di durata medio lunga, con evidenti influenze kraut rock e Pink Floyd, quelli della porzione live di "Ummagumma" e delle lunghe divagazioni,sunfighter chitarre acide, tastiere, synth ed organo in grande evidenza. Esplicativo a riguardo è un brano ipnotico come Laid them upon the desert floor, il più lungo dell'intero lavoro, che con i suoi 13 minuti e passa ricorda sia Waters e compagni che le partiture minimaliste dei corrieri cosmici, soprattutto Agitation Free e primi Tangerine Dream. Il video di Sun moved the oceans illustra bene la natura del progetto di Siciliano: albe e tramonti, visioni di laghi, deserti, nuvole e montagne con colori cangianti e multicolori, sembra apparire da un momento all'altro lo scrittore-sciamano Carlos Castaneda. Gli stessi fantastici viaggi interstellari sono ben rappresentati dal terzetto iniziale Sunfighter-Eagles way, Golden eagle of illumination e Midnight Suns, 26 minuti di musica cosmica, mistica, paradisiaca. Anche l'acida Sun echoesè tra le vette del disco, non fosse altro per un portentoso solo chitarristico in odor del prode Manuel Gottschning ed i suoi Ash Ra Tempel.  Golden eagle of illuminations è un disco ammaliante e luminoso, l'alba magica Sunfighter sta richiamando nuovi visitatori interstellari, provate ad afferrare la sua luce sfavillante.

 

Voto: 8/10
Ricardo Martillos

Audio

Video

Inizio pagina