Migliora leggibilitàStampa
11 marzo 2013 , ,

Olafur Arnalds

FOR NOW I AM WINTER

2013 - Mercury Classics
[Uscita: 25/02/2013]

Olafur Arnalds - FOR NOW I AM WINTER  Si rimane sempre e comunque estasiati dai lavori di Olafur Arnlads, uno dei miei autori preferiti in assoluto. Compositore tra i più giovani e brillanti in circolazione, Olafur Arnalds è a tutti gli effetti  uno dei massimi esponenti della scena neo-classica contemporanea. Dal debutto di "Eulogy for Evolution" del 2007, tra album, EP e un tour con i più famosi Sigur Ros, sono ormai trascorsi 6 anni, nei quali il giovane artista islandese si è mostrato autore duttile ed elegante, capace di attingere da una grande varietà di fonti sonore, di riuscire sempre nella ricerca di nuove soluzioni musicali, mantenendo intatto il suo stile unico e personale. "For Now I am Winter" arriva dopo lo splendido "Another Happy Day" dello scorso anno, colonna sonora dell'omonimo film diretto da Sam Levinson, e si presenta come un lavoro diverso rispetto ai precedenti, peraltro il primo pubblicato su Mercury Classics. L'elettronica diventa uno degli elementi portanti del nuovo album, a cui viene affiancata la splendida voce di Arnor Dan e una corposa sezione d'archi. Seppur l' uso di loop e sintetizzatori evochino sensazioni glaciali  - a tratti più aggressive - rispetto ai lavori precedenti, l' approccio musicale rimane comunque minimalista e malinconico, sensazioni peraltro suggerite già dal titolo.

 

Un cambiamento, o più semplicemente un' evoluzione, avvenuta durante il processo di scrittura del disco, che ha portato il polistrumentista islandese a proiettarsi verso una forma di composizione più innovativa. Il risultato è un disco più immediato e da un certo punto di vista progressivo, che si avvicina molto a "And They Have Escaped The Weight Of Darkness" del 2011. "For Now I am Winter" è uno sbocciare di colori e sensazioni eteree che avvolgono dolcemente l'ascoltatore: l' incedere flebile del disco sembra trascinare l’ascoltatore lontano dal mondo reale, quasi ad intrappolarlo in un sogno di cristallo. Una sensibilità quella dell'autore islandese che tocca il suo apice in brani come Sudden Throw, A Stutter, Brim, For Now I am Winter, Reclaim, Only the Winds, Old Skin. Un fiore in pieno inverno. 

Voto: 8.5/10
Michele Passavanti

Video

Inizio pagina