Migliora leggibilitàStampa
18 gennaio 2019 , ,

Oak

FALSE MEMORY ARCHIVE

2018 - Karisma Records
[Uscita: 19/10/2018 ]

Norvegia

 

a0873927939_10Dopo l'interessante “Lighthouse” (2013) i norvegesi Oak ritornano sulla scena con un lavoro inedito, a tutti gli effetti ideale prosieguo della prova d'esordio. Amalgamato il variegato background artistico in loro possesso, gli elementi presenti in line-up (nel frattempo raddoppiata numericamente rispetto alla originaria formazione a due) danno corpo ad un progetto, False Memory Archive”, in bilico tra art-rock, alternative e neo-prog che custodisce all'interno di rarefatti orditi reminiscenze delle produzioni Big Big Train, Talk Talk di fine anni ottanta o, per rimanere in terra scandinava, di quelle recenti dei connazionali Gazpacho. Anche nella pregevole interpretazione del vocalist Simen Valldal Johannessen, dal retrogusto oscuro e malinconico, non è difficile scorgere assonanze con i front-man delle band sopracitate.

Sarebbe comunque riduttivo (e oltremodo indebito) catalogare l'album degli Oak solamente per certe, seppur indiscutibili,  derive ispiratrici ; i ragazzi di Oslo si calano nella parte portando in dote una valida idea di fondo ed una tecnica di assoluto rispetto OAKapparendo combo sapientemente equilibrato nell'imbastire articolate trame di grande effetto. “False Memory Archive” si rivela il classico disco che necessita molto più di un semplice ascolto affinché si possano palesare le sfumature e la precisione di certi suoi intarsi compositivi; si ascoltino a tal senso Transparent Eyes, Psalm 51, nonché l'accattivante title-track per rendersi conto di che meritevole pasta sia fatta questa piacevole sorpresa recapitataci dalle innevate lande scandinave. Gradevolmente derivativa, sorprendentemente attuale. 

 

Voto: 7/10
Alessandro Freschi

Audio

Inizio pagina