Migliora leggibilitàStampa
20 agosto 2015 ,

Chris Stamey

EUPHORIA

2015 - Yep Roc
[Uscita: 02/06/2015]

Stati Uniti     #consigliatodadistorsioni  

 

euphoria coverIl nome Chris Stamey non dirà nulla ai più giovani lettori ma anche a molti addicted to rock. Un grande artista che da sempre vive ai margini del music business al confronto del quale uno come Alex Chilton è una riconosciuta celebrità. Già, proprio Alex Chilton. Una esistenza artistica intera passata da Stamey a rincorrere quel sound imprendibile e magico dei Big Star, la seconda favolosa creatura dell'uomo di Memphis. In realtà con i suoi DB's  (ve li ricordare vero?) ci era andato vicino ma tanto il pubblico non degnava di un ascolto (o quasi) la Grande Stella, figuriamoci i dischi di Chris e dell'amico Peter Holsapple. Anche da solo Stamey si è sempre fatto valere come vi abbiamo narrato scrivendo del precedente album, il magnifico e intimista "Lovesick blues". L'avrà ascoltato qualche decina di persone al massimo. Questo ultimo "Euphoria" a cominciare dal titolo è molto più aperto e gioioso del disco del 2013, ma ce lo presenta meglio il suo autore: "Ho chiamato il disco "Euphoria" perché, per me, l'euforia  vive dentro una chitarra elettrica, quello è il posto dove trovo la libertà, la passione, l'euforia: negli spazi tra le note, la distanza tra i tasti. Ho trovato le idee per questo disco usando la stessa fatiscente vecchia chitarra  Silvertone rossa con cui ho scritto il mio primo album". Animo sincero e parole che trafiggono il cuore.

 

chris stameyApre il disco alla grande Universe-sized arms, il pezzo che Ryan Adams ha regalato a Stamey, seguito dalla gioiosa Where does the time go?, molto simile ad una R.E.M song, non a caso fra gli ospiti è presente il loro primo produttore, il bravo Mitch Easter. Proprio con quest'ultimo, col bassista degli stessi R.E.M, Mike Mills e con l'unico Big Star rimasto, il batterista Jody Stephens, Stamey nel Dicembre 2010 aveva organizzato in North Carolina una commovente live performance dedicata al glorioso gruppo di Alex Chilton ed al suo terzo disco. I Big Star sono presenti eccome fra questi solchi, in molte tracce sembrano proprio riprendere vita. Nell'album ci sono anche tre splendide ballad soft psichedeliche, Invisible, vocalmente ChrisStamey_square-350x350perfetta, Awake in the world, quasi XTC, e Dear Valentine che dimostrano il grande amore (mai nascosto) di Chris per le sonorità a cavallo fra sixties e seventies. Stamey tira fuori un po' di grinta con When the fever breaks per addolcirsi di nuovo con You are beautiful che recupera in parte il suono del disco precedente. Gli ospiti in questo lavoro sono davvero di lusso, fra di loro a parte il già citato e amico di sempre Mitch Easter (anche Let's Active), Pat Sansone dei Wilco e Norman Blake dei Teeanage Fanclub. Euphoria è un disco davvero bello, non certo una novità per quei pochi che conoscono Chris Stamey, l'ennesima occasione per ascoltare il vero ricercatore del sound inafferrabile targato Alex Chilton/Big Star. Se vi sembra poco.

 

Voto: 7.5/10
Ricardo Martillos

Audio

Video

Inizio pagina