Migliora leggibilitàStampa
31 dicembre 2013 ,

Bologna Violenta

UNO BIANCA

2014 - Woodworm, Wallace Records, Dischi Bervisti/Audioglobe
[Uscita: 24/02/2014]

BV - Uno Bianca COVERIn uscita il prossimo febbraio, “Uno Bianca”, ultimo lavoro di Bologna Violenta, ovvero dal 2005 il polistrumentista Nicola Manzan: una sconvolgente colonna sonora di fatti di cronaca. Dai nomi assegnati alle diverse tracce è facile intuire di avere di fronte un concept album basato sugli atti criminosi e scellerati commessi tra il 1987 ed il 1994 dalla banda dei fratelli Savi. Una triste pagina di storia contemporanea che ha macchiato di sangue Bologna e l’Italia intera quella raccontata dalle ventisette tracce la cui breve durata rispecchia la tempestività con cui vennero commesse rapine ed omicidi a sangue freddo. L’assoluta nonchalance con cui furono uccise ben  ventiquattro persone è una singolarità talmente irreale da far sembrare i fatti di sangue provocati dalla banda della Uno Bianca più simili ad un’idea di Camilleri per un proprio libro, oppure ad una sceneggiatura per un poliziesco americano alla C.S.I. che realmente accaduti. L’album è dominato da un ricercato sound cupo ed aggressivo, un mix tra il noise ed il metal più pesante, che fa da colonna sonora perfettamente ai momenti salienti delle varie azioni perpetuate dalla banda. La tipica costruzione della canzone è lasciata morire in favore di brani brevi e concisi, caratterizzati da compressi ritmi di batteria che creano una sorta di muro sonoro memore del grindcore di fine anni ottanta alla Napalm Death,  accompagnato dall’atmosfera angosciosa creata dall’ ampio utilizzo di Manzan degli archi in ogni sequenza. Ascoltando le varie tracce  si può trovare uno stretto legame con la sequenza degli avvenimenti, così come vengono riportati all’interno degli atti processuali,  consultati da Manzan al fine di rendere, con un attento studio analitico, il lavoro il più accurato possibile. L’ultima fatidica traccia, 29 marzo 1998 – Rimini: suicidio Giuliano Savi racconta il caso  di Giuliano Savi, padre di Roberto, Fabio ed Alberto, suicidatosi ingerendo farmaci proprio all’interno di quell’automobile utilizzata dai figli in gran parte della loro carriera criminale. Trentasette minuti di musica:  un album eccelso, ma ostico.

 

 

Voto: 8.5/10
Andrea Ghignone

Bologna Violenta

Wallace Records

Woodworm 

Dischi Bervisti

 


TRACKLIST

01 - 19 giugno 1987 - Pesaro: rapina casello A-14

02 - 31 agosto 1987 - San Lazzaro di Savena (Bo): rapina casello A-14

03 - 3 ottobre 1987 - Cesena: tentata estorsione

 04 - 30 gennaio 1988 - Rimini: rapina supermercato Coop

05 - 19 febbraio 1988 - Casalecchio di Reno (Bo): rapina supermercato Coop

06 - 20 aprile 1988 - Castelmaggiore (Bo): attacco pattuglia Carabinieri

07 - 19 settembre 1988 - Forlì: rapina supermercato Coop

08 - 26 giugno 1989 - Bologna: rapina supermercato Coop

09 - 15 gennaio 1990 - Bologna: rapina ufficio postale

10 - 6 ottobre 1990 - Bologna: rapina tabaccheria

11 - 10 dicembre 1990 - Bologna: assalto campo Rom

12 - 22 dicembre 1990 - Bologna: attacco lavavetri extracomunitari

13 - 23 dicembre 1990 - Bologna: assalto campo Rom

14 - 27 dicembre 1990 - Castelmaggiore (Bo): rapina distributore

15 - 4 gennaio 1991 - Bologna: attacco pattuglia Carabinieri

16 - 20 aprile 1991 - Bologna: rapina distributore

17 - 30 aprile 1991 - Rimini: attacco pattuglia Carabinieri

18 - 2 maggio 1991 - Bologna: rapina armeria Volturno

19 - 19 giugno 1991 - Cesena: rapina distributore

20 - 18 agosto 1991 - San Mauro a Mare (Fc): agguato auto senegalesi

21 - 28 agosto 1991 - Gradara (Ps): scontro a fuoco con due poliziotti

22 - 24 febbraio 1993 - Zola Predosa (Bo): rapina banca

23 - 7 ottobre 1993 - Riale (Bo): rapina banca

24 - 3 marzo 1994 - Bologna: rapina banca

25 - 24 maggio 1994 - Pesaro: rapina banca

26 - 21 ottobre 1994 - Bologna: rapina banca

27 - 29 marzo 1998 - Rimini: suicidio Giuliano Savi

Inizio pagina