Migliora leggibilitàStampa
3 luglio 2016

Massimiliano Larocca

UN MISTERO DI SOGNI AVVERATI – M.L. CANTA DINO CAMPANA

2016 - Brutture Moderne
[Uscita: 11/03/2016]

 #consigliatodadistorsioni    

 

cover packChe la poesia abbia molto in comune con la musica è un dato di fatto che risale alle profonde radici della cultura umana: fin dall'antichità i poeti si accompagnavano al suono di strumenti, e musica e poesia sollecitano canali di comunicazione molto simili, musicalità, ritmo, armonia, metafore, suggestioni, emozioni sono il pane quotidiano di entrambe. Forme artistiche che  suggeriscono, alludono, stimolano, suscitano connessioni e sensazioni, immagini, sentimenti e atmosfere impossibili da leggere razionalmente, ma che sta all'ascoltatore/lettore far proprie. Il cantautore e agitatore culturale fiorentino Massimiliano Larocca in questo suo ultimo lavoro porta a compimento una lunga ricerca e l'intensa passione per Dino Campana (1885-1932), il poeta maledetto di Marradi in cui genio e follia sono andati a braccetto durante la sua non fortunata esistenza. In questo disco Larocca, voce e chitarre, si fa accompagnare da Riccardo Tesi, organetto diatonico e tastiere, e dai Sacri Cuori Antonio Gramentieri, chitarre, e Diego Sapignoli, batteria e percussioni. Fra gli altri musicisti coinvolti citiamo i cameo di Nada e Hugo Race che prestano la loro voce narrante in un brano ciascuno e di Cesare Basile, voce e chitarra in Poesia Facile.

 

MassimilianoLarocca1La bella riuscita di questo disco, complesso e affascinante, è data innanzitutto dalla sensibilità con la quale Massimiliano Larocca (a destra nella foto con Riccardo Tesi), colto la musicalità dei versi di Campana, dando delle tredici poesie interpretazioni coerenti con il mondo, i luoghi, le atmosfere, i sentimenti, le visioni evocate dalle parole del poeta. Così La Petite Promenade du Poète evoca la malinconia felliniana della musica di Nino Rota; un ritmo quasi blues accompagna le allitterazioni di Batte Botte, mentre per  il canto di solitudine, libertà e antimilitarismo («pace non cerco, guerra non sopporto, tranquillo e solo vo per il mondo in sogno») di Poesia Facile il ritmo si fa incalzante. Genova si colora di malinconia desertica e l'organetto sembra quasi un'armonica.

Riuscita la scelta di utilizzare le voci di Nada che recita La Sera di Fiera e di Hugo Race che dà gravità e profondità a Il Russo. Un Mistero di Sogni Avverati” è un album ricco di suggestioni, grazie ai testi visionari di Campana, agli masarrangiamenti vari e complessi nei quali convivono le radici popolari e folk dell'organetto del pistoiese Riccardo Tesi, l'anima romagnola intrisa di sound americano e desertico dei Sacri Cuori e grazie alla convincente voce di Massimiliano Larocca, che in alcuni momenti ricorda quella di Gianmaria Testa, e che riesce nel non semplice compito di dare ancor più forza evocativa alle parole del poeta e all'emozione e ai sentimenti che esse suscitano. Molto riuscito l'artwork del cd, grazie anche alle belle tavole di Enrico Pantani che illustrano le pagine del libretto con i testi.

Voto: 7.5/10
Ignazio Gulotta

Audio

Video

Inizio pagina