Migliora leggibilitàStampa
27 luglio 2016 , ,

Gianni Venturi-Lucien Moreau

MOLOCH

2016 - Autoproduzione
[Uscita: 07/02/2016]

#consigliatodadistorsioni     

 

Moloch CoverHa l'odore tipico della celluloide il susseguirsi dei minuziosi fotogrammi che fuoriescono dalla visionaria opera musicale "Moloch" elaborata dal connubio artistico formato da Gianni Venturi e Lucien Moreau. Sperimentatore della voce, poeta, cardine dell'ensemble jazz-rock Altare Thotemico, Venturi partorisce e interpreta allucinate e tormentate liriche di protesta sociale relegando al poliedrico Moreau, abile manipolatore di scenari sonori, il compito di delineare con commenti elettro avant-garde i contorni del demone dalla testa di toro. Sebbene sia evidente il tributo alle opere letterarie del passato (Blake e Ginsberg in primis) in Moloch  si concentrano denunce e malesseri moderni -figli dei nostri sofferenti tempi- di non facile risoluzione.

 

Registrato e mixato da Federico Viola all'Animal House Studio di Ferrara-con la partecipazione di Alice Lobo e Chiara Megan Munari- l'album si apre con l'avanzata marziale di Dorje Phurba, breve intro che precede i gommosi battiti sintetici di Eindao traccia riproposta come epilogo in versione sinfonica. Sommessi mugolii e disperate urla tra le bombe si agitano tra i lapidari rintocchi di piano della suggestiva Kaddish mentre ripetitivi arpeggi elettronici segnano Tiger Tiger tributo al poema di Blake.

Gli amari proclami del clown imbonitore de Il circo dei normali anticipano i lacerati stridi di Rivoluzione e le ritmiche orientaleggianti di Satori. Minimali arrangiamenti accompagnano le Anime erranti, dolorosi versi disegnano la Bambina di fragola. Urla (La frequenza) si Venturi - Moreauinerpica su tappeti elettronici mentre ne La soluzione Venturi si cimenta in una distaccata declamazione che riporta alla memoria l'indimenticabile Stratos. Assume sembianze espanse ed enfatiche il Canto armonico del silenzio e se le multiformi sfumature dell'Io galleggiano sugli accordi liquidi di Qohèlet é catartica la scarica emozionale di Libera la follia. Echi e suoni di venti tribali soffiano sul capitolo finale dedicato a Lo sciamanoAvevamo scritto della proposta artistica -impegnata e convincente- dell'istrionico Venturi all'indomani del suo precedente progetto Vuoto Venturi - Moreau 2pneumatico ed adesso ci ritroviamo a celebrare questa ennesima lodevole prova discografica.

Moloch regala settanta minuti di acuta sperimentazione, elaborata contaminazione sonora e liriche dalle ricercate trame. Funzionali le visioni creative che accomunano il tandem Venturi-Moreau in questa emozionale proiezione musicale. Arte, ingegno ed impegno. Non possiamo chiedere di più. 

Voto: 7.5/10
Alessandro Freschi

Official       Social

 


Audio

Video

Inizio pagina