Migliora leggibilitàStampa
1 settembre 2016

Temporal Sluts

MODERN SLAVERY PROTOCOL

2016 - Area Pirata Records
[Uscita: 16/06/2016]

#consigliatodadistorsioni     

 

tempor.slutsI Temporal Sluts sono di Como, attivi dal 1995 all’interno della scena underground punk rock con l’incisione di parecchi singoli ed ep,  questo è però (quasi) il loro album di debutto, su Area Pirata. A primo ascolto sembrano dei Dead Boys strafatti di speed! Quindi ottima partenza, che si sviluppa via via con l’ascolto e ci rimanda anche a nomi come Radio Birdman e Hellacopters. Suonano benissimo e sfiorano velocità care al punk hardcore, per intenderci.

Il titolo del lavoro, micidiale, “Modern Slavery Protocol lascia intuire testi impegnati ed incazzati, ma le liriche non sono presenti all’interno del disco. Alla fine i cultori dell’high octane rock’n’roll rimarranno entusiasti di questo disco e passeranno una buona mezz’ora in ottima compagnia!  L’aver pubblicato un album full-lenght dopo ben 20 anni di attività la dice lunga sulla loro attitudine: si legga “Me ne fotto altamente del mercato!”.

 

Album

Bad news never come alone (Flippout G.F., 1996)

Modern slavery protocol (Radio Pirata, 2016)

slutsSingoli - EP

A touching date (10" split con The Humpers, Hate records, 1995) 

Broken inside (Demolition Derby, 1996)

Don’t worry (Radio Blast , 1997)

Voulez vous coucher avec nous, ce soir? (7” split con TV Killers, Rockin’ Bones, 1999)

All the revolutions I need (Hate Rds, 2004)

Shitville confidential (7” split con The Leeches, One Chord Wonder, 2013)

Cosmocracy (Mental Beat Rds, 2015) 

 

Voto: 7/10
Francesco Ficco

Audio

Inizio pagina