Migliora leggibilitàStampa
26 novembre 2018

Late Sense 4tet

MEETINGS…

2018 - Improvvisatore Involontario
[Uscita: 03/09/2018]

downloadUn inizio ben scandito di note al vibrafono ci conduce lentamente verso “Meetings...”, gli incontri con il nuovo quartetto denominato Late Sense 4tet (il senso arriva piano piano, quasi in ritardo appunto, ma c'è anche un'affinità di nome con l'espressione latina Lato Sensu), composto da Gaetano Santoro al sax, Edoardo Ponzi al vibrafono e marimba, Francesco Marchetti al contrabbasso e Mauro Cimarra alla batteria. C'è un'altra Valentine oltre alla storica My Funny che compare in questo album di debutto nella ballata d'apertura, Ballad for my Valentine, al cui finale dà vigore il trombone di Massimo Morganti, ospite speciale del progetto anche in altre composizioni. Si continua con Interplay di Bill Evans, introdotta dall'elettronica assottigliata del non meglio identificato N2B e arrangiata con gli accenti del tema di Evans spostati, ad aumentare il 'senso ritardato' della sincope. Nel complesso l'intero lavoro è un mosaico di ballads, ben delineate nelle forme melodiche, con movimenti più accelerati (Elba) e arricchite da interventi inconsueti di marimba e trombone.

lateNon mancano però i momenti di spinta ritmica più marcata nelle improvvisazioni di Broken Blue. La conclusiva Nardis, che dovrebbe rimandare più al già richiamato Evans che al Davis indicato come autore, rappresenta la traccia maggiormente dinamica del disco con il contrasto tra lo swing veloce (che poi rallenta) e il tema ritardato: è un false ending, il CD contiene una ghost track elettro-afro registrata per 2 minuti, per poi continuare in silenzio fino all'ottavo. 

 

Voto: 6,5/10
Sergio Spampinato

Audio

Inizio pagina