Migliora leggibilitàStampa
7 febbraio 2013 , ,

Baustelle

FANTASMA

2013 - Warner
[Uscita: 29/01/2013]

Baustelle “FANTASMA”I Baustelle sono l'unico gruppo italiano del terzo millennio ad essere arrivato al successo partendo dall'underground, cosa che ne ha fatto un gruppo che molti amano odiare, come sempre avviene. Nel frattempo il leader Francesco Bianconi si è anche cimentato come scrittore con “Il regno animale” (Mondadori), prova decisamente acerba che sarebbe stata cestinata se mandata da un signor nessuno, sebbene salvata dall'ironia e dall'autoironia. Se il Bianconi autore di canzoni, con quel suo maledettismo da liceale di provincia cresciuto prima dell'egemonia culturale Mediaset, risulta personale e divertente, specie per chi come me in quel clima ha passato i suoi anni lontani, il Bianconi scrittore mostra ancora troppo poca personalità. Arrivati al sesto disco, anzi il settimo contando la colonna sonora del film “Giulia non esce la sera” di Giuseppe Piccioni, è lecito aspettarli al varco. Il nuovo “Fantasma” procede sulla scia de “I mistici del'occidente”, in cui lo spirito di Morricone si sostituiva a quello di Gainsbourg, nume tutelare dei primi dischi.

 

Novità del nuovo disco è la presenza, fin troppo presente, dell'orchestra. A volte le orchestrazioni sono davvero troppo magniloquenti, come in Nessuno, prima canzone del disco dopo uno strumentale d'apertura che cita gli horror anni '70 ma soprattutto il Krzysztof Komeda di “Le depart” (di Jerzy Skolimowski, 1967). Non che gli arrangiamenti siano brutti, ma la presenza dell'orchestra è davvero troppo Monumentale, come titola il brano numero 7, peraltro uno dei più riusciti insieme a Maya colpisce ancora, le canzoni più vicine all'irresistibile miscela pop/lounge dei primi due album. Oltre all'orchestra un altro fantasma molto ingombrante permea l'album: quello di Fabrizio De Andrè,  presenza (assenza?) che riscontriamo sempre più forte in tutta la musica italiana, vedi Il futuro, canzone che potrebbe essere un outtake del genovese periodo pre “Creuza de ma”.  Anche nei testi appare una certa ripetitività. Prendiamo Cristina: potrebbe essere il remake de Le rane, dal disco precedente (però quello era un gioiellino, con quelle chitarre alla Steely Dan, questa, pur incisiva sul piano melodico, è particolarmente appesantita dalla pomposità degli arrangiamenti).

 

E in quasi tutto il disco si riprende il tema della decadenza della civiltà che caratterizzava “Amen”. Va benissimo, ma è un argomento su cui ormai si cimenta chiunque, l'analisi della vita di provincia con le sue ingenuità e i suoi vizi dei Baustelle “FANTASMAprimi album era molto più personale. Il brano che lascia più perplessi è Conta' l'inverni: sarebbe una gran murder ballad, ma Bianconi sceglie di cantarla in romanesco e la sua pronuncia è davvero scolastica.  Alla fin fine, se dicessi che questo è un disco brutto, per quelli che ascoltano i miei vicini la domenica mattina dovrei chiedere la pena di morte. Molte canzoni sono valide, oltre a quelle citate il singolo La morte (non esiste più), ma l'aria generale non convince. Potrebbe essere l'inizio di una fase calante: non tutte le scelte del gruppo sono ispirate e si rimpiange la freschezza dei primi album. 

Voto: 6/10
Alfredo Sgarlato

Baustelle

 


Tracklist:

  • Fantasma (Titoli Di Testa)
  • La Morte (Non Esiste Più)
  • Nessuno Muore
  • Diorama
  • Primo Principio Di Estinzione
  • Monumentale
  • Il Finale
  • Cristina
  • Fantasma (Intervallo)
  • Il Futuro
  • Secondo Principio Di Estinzione
  • Maya Colpisce Ancora
  • L'orizzonte Degli Eventi
  • La Natura
  • Contà L'Inverni
  • L'Estinzione Della Razza Umana
  • Radioattività
  • Fantasma (Titoli Di Coda)

Video

Inizio pagina