Migliora leggibilitàStampa
14 agosto 2017 ,

LatenzaZero

BE FREE TOMORROW

2017 - A Buzz Supreme-Audioglobe
[Uscita: 21/06/2017]

Latenzazero-coverSi intitola Be Free Tomorrowl'inedito progetto rilasciato a fine giugno da Bernardo Di Sabatino e Stefano Cascioli, due elettronico di origini abruzzesi meglio conosciuto come LatenzaZero. A quasi un decennio dal lavoro precedente (l'EP “Gekology” pubblicato nel settembre 2008) gli artisti teramani tornano alla ribalta con questo terzo capitolo discografico nel quale, tenendo fede alle proprie intuizioni originarie, lavorano in territori sonori sintetici tipici del downtempo e del chill-out. Digitale ed analogico, tecnica e sperimentazione sono cardini attorno ai quali ruota questa elegante proposta (per lo più strumentale) che condensa la significativa esperienza LatenzaZero nel settore informatico-musicale combinando, lungo il palpitante incedere, visioni diafane ad armoniose tessiture.

 

Latenza Zero (Band)E' l'omonima title-track a rivestire il ruolo di opener di turno; l'impostata timbrica della vocalist Marianna D'Amario (già al fianco del combo in occasione del secondo lavoro di studio) prende per mano il rallentato battito del movimento d'ingresso precedendo i distensivi e taglienti squarci di synth nell'introspettiva Caught in the Middle. Un aggraziato mix esotico-jazzy pervade le raffinate arie di Love in E Minor ed un incalzante beat da pista colora  The Picker Cowboy. Dilatata elettro-space ed oscuro trip hop caratterizzano in sequenza Unknown Series e Mystic Heart e se nell’episodio dance-pop Hidden Desire fa capolino la voce di Di Sabatino, l'epilogo Wounded suggella l'album rispolverando un empatico ed imbambolato groove dal retrogusto eighties.

Latenza Zero (Band) 2Risulta decisamente curato ed ispirato questo nuovo atto siglato LatenzaZero: Be Free Tomorrow a tutti gli effetti rappresenta il primo vero e proprio trampolino di lancio di un disegno artistico che senza ombra di dubbio può, per talento e maturità, ritagliarsi spazi concreti ben oltre i confini tricolori. E se nella scelta dell'enigmatico moniker è racchiusa l'esortazione ad ottenere sempre il meglio, talvolta lambendo l'irraggiungibile perfezione, la strada intrapresa da Bernardo e Stefano non può che essere quella giusta.   

 

Voto: 7/10
Alessandro Freschi

Audio

Inizio pagina