Migliora leggibilitàStampa
6 giugno 2012 , ,

AA.VV.

ATRAX MORGUE TRIBUTE (Tape)

2012 - Toxic Industries
[Uscita: 6/05/2012]

ATRAX MORGUE TRIBUTE  # Assolutamente consigliato da DISTORSIONI

 

Atrax Morgue, al secolo Marco Corbelli, è stata una delle personalità cardine della scena industrial/noise/power electronic italiana. In 14 anni di intensa attività Atrax Morgue ha contribuito alla rinascita del noise italiano traghettando nel nuovo millennio un genere molto ancorato alla tradizione industrial/noise dei pesantissimi anni '80 milanesi/torinesi (Maurizio Bianchi, Sigillum S, CCC CNC NCN), Atrax Morgue ha interpretato con tutta la sua persona quello slancio anticulturale che per anni fermentava in Italia facendo confluire in sè stesso la brutalità sonora dei Whitehouse con l'estro masochistico/deviante dell'iconografia dei Throbbing Gristle. Nichilismo, perversione e morte sono stati gli altari su cui Corbelli ha sacrificato la sua vita, suicidandosi il 6 Maggio 2007, il suo testamento è contenuto nelle decine e decine di di uscite che sono diventate un vero e proprio cult per gli amanti del genere più ostico in assoluto.

 

A 5 anni dalla sua morte l'etichetta italiana Toxic Industries ha dedicato un tributo ad Atrax Morgue, 16 noisers italiani e non hanno reinterpretato le frequenze malate di Corbelli dando alla luce una compilation di efferatezze sonore. Feedback, distorsioni analogiche e digitali, flanger impazziti, vocalizzi horrorifici ed altre oscure delicatessen rendono questa cassetta un vero e proprio manifesto dello stato dell'arte del noise attuale, un tributo anti/musicale e soprattutto attitudinale a quello che Atrax Morgue è stato e continua a perpetuare attraverso la riscoperta delle sue opere. Brani come Brain Penetration, Ready to Die, Nictofilia sono veri e propri incubi, visioni schizoidi/paranoiche che ritornano alla luce come demoni rinchiusi in cripte sotterranee; è veramente difficile che nel genere harsh noise venga eseguita qualche "cover", soprattutto per la natura anarchica del genere che lascia molto spazio all'improvvisazione, al rumorismo incontrollato, piuttosto che all'esecuzione di sequenze ritmico/armoniche ben definite. Fukte, Indich Libertine, Ecoute la Merde e compagnia diventano quindi dei "medium" dei canali attraverso cui l'anima oscura di Corbelli ri/trova espressione.

 

Malgrado non sia  possibile fare una vera e propria analisi musicale di un genere fondato sulla cacofonia e sulla dissonanza, questa compilation è molto ben assemblata, ogni traccia ha un suo stile ben distinguibile, ogni drone, ogni modulazione è perfettamente inserita in un puzzle di rumorismo deviato. La tape prodotta in edizione limitata è accompagnata da un libricino di circa 10 pagine che ospita alcuni ritratti di Atrax Morgue disegnati da Andreas Brandal. Un omaggio alla morte di un ragazzo che omaggia la morte, questo è in sintesi lo spirito della pubblicazione su Toxic Industries, certamente il modo migliore per ricordare un personaggio che ha dato molto all'avanguardia estrema del nostro paese, e che in cambio ha ricevuto depravazione, sofferenza e oblio, ovvero ciò che desiderava.

Nick Zurlo

Audio

Inizio pagina