Migliora leggibilitàStampa
18 ottobre 2017 , , , ,

Dee Dee Bridgewater

MEMPHYS…YES, I’M READY

2017
[Uscita: 15/09/2017]

Stati Uniti  #consigliatodadistorsioni     

 

0004766557L’ultima diva del jazz internazionale si rimette in gioco ancora una volta: Dee Dee Bridgewater torna con “Memphys… Yes, I’m Ready” per regalarci un’altra perla di blues, r’n’b e soul che trae origine dal ritorno nella natìa Memphys, sulle tracce della più ricercata ed elegante tradizione della musica nera. Tredici reinterpretazioni di classici brani dei maestri afroamericani che ci consegnano una Dee Dee semi inedita: spogliata dei virtuosismi del jazz e del be-bop, l’iconica voce della star americana arriva più diretta, profonda, intima, portatrice di un carico di sensazioni soul debordanti. Tra le pietre preziose sviscerate in questo disco di cover, infatti, spiccano la vibrante versione acid-soul di I Can’t Get Next to You di Al Green, il jazz-funk di I Can’t Stand the Rain (Ann Peebles) e Going Down Slow (Bobby Blue Bland), che arricchite di organi e fiati rendono tutta l’atmosfera profondamente Motown.

È straordinario prendere atto di come il certosino lavoro di Dee Dee Bridgewater, coadiuvata da due produttori d’eccezioni quale Kirk Whalum e Lawrence “Boo” Mitchel, sia riuscito a tirare fuori dal classico standard blues The Thrill is Gone (omaggio all’immenso B.B. King) un arrangiamento rhythm and blues funkeggiante che si nutre di groove di basso e batteria trascinanti e parti strumentali travolgenti che esaltano l’eccelsa voce black dell’interprete.

Degni di menzione sono anche gli arrangiamenti di Try a Little Tenderness di Otis Redding, proposta in un’elegante e raffinata versione swing-jazzata, e del maestoso gospel (Take My Hand) Precious Lord che avrebbe incantato anche lo stesso Elvis Presley, autore del brano. Memphys… Yes, I’m Ready è l’ennesimo importante traguardo nella discografia di una cantante illuminata, tra ledeedee ultime interpreti della black music più vera, popolare e all’occasione elitaria nello stesso tempo. Una delle uscite migliori dell’anno, destinata a segnare una strada nuova nella carriera di un’interprete che non smette mai di reinventarsi e stupirci.

 

Voto: 8/10
Riccardo Resta

Audio

Video

Inizio pagina