Migliora leggibilitàStampa
6 marzo 2019

Better Oblivion Community Center

BETTER OBLIVION COMMUNITY CENTER

2019 - Dead Oceans Records
[Uscita: 24/01/2019]

Stati Uniti

 

bocc_album_coverSe dovessimo sintetizzare con un solo aggettivo una opinione su questo omonimo album di esordio dei Better Oblivion Community Center, "deludente" sarebbe un ottimo candidato. Deludente perché le premesse c'erano tutte: il duo B.O.C.C. non è composto da signori nessuno, bensì dalla dotata cantautrice di Los Angeles Phoebe Bridgers che, al suo debutto nel 2017, aveva fatto parlare molto bene di sé con l'album "Stranger in the Alps", e da niente di meno che Conor Oberst, il cantautore del Nebraska che nello stesso anno aveva pubblicato e poi trionfalmente portato in tournée mondiale "Salutations", considerato uno dei migliori dischi folk rock del decennio. I due, conosciutisi nel backstage di uno dei tanti eventi a cui erano intervenuti, dopo aver manifestato reciproca stima artistica, hanno deciso di comporre e pubblicare un album insieme. Tuttavia, delle dieci canzoni che compongono il disco, in neppure una l'ascoltatore troverà mantenute le proprie aspettative.

bocc_official_photo_2Con la parziale eccezione dell'ultimo brano, Dominos, questo album rappresenta il classico esempio di come, in musica, raramente il risultato finale sia la somma delle parti. Alle volte, capita che più talenti insieme nella stessa stanza producano un'alchimia unica; altre, invece, succede che si annullino a vicenda. Purtroppo, questo è il caso di "Better Oblivion Community Center", un disco di certo non aiutato da arrangiamenti che meritavano maggiore attenzione e, alle volte, persino da esecuzioni fredde, accademiche, al punto da apparire frettoloso. Tutto, o quasi, da rifare. 

 

Voto: 4/10
Valerio Pugliese

Video

Inizio pagina