Migliora leggibilitàStampa
10 marzo 2017 ,

Moon Gravity

ANTARCTICA

2017 - Silber Records - EP
[Uscita: 27/02/2017]

Svezia

 

I musicisti del Grande Nord si sono spesso cimentati nel tentativo di rendere con le sette note le atmosfere delle loro terre lontane e disabitate, colori come l'immenso, abbagliante bianco delle distese a perdita d'occhio di neve e ghiaccio o quelli fluorescenti e cangianti che pennellano il cielo nelle aurore australi e posseggono in sé la magia di un mondo irreale e incantato e la travolgente estasi dell'esperienza psichedelica. Adesso tocca a Moon Gravity, moniker del musicista di Stoccolma Stas Neilyk, mettersi alla prova con questo EP d'esordio che sposta l'attenzione agli antipodi della loro terra verso l'Antartico, continente immenso e spopolato regno di ghiacci millenari. Tre i brani in scaletta, una sorta di suite a cogliere tre momenti diversi: il sole sparisce dietro l'orizzonte, l'aurora australe annuncia l'arrivo della lunga notte polare, oscurità e gelo implacabile si preparano ad avvolgere la terra per mesi (Nightfall), dopo essere sprofondati nella notte arriva una tempesta di neve a rendere ancor più spettrale un paesaggio preda di forze immani e oscure (Snowstorm), ma infine i primi timidi squarci di luce vengono a riportare la calma sugli immensi spazi del continente disabitato (Purpling).

 

moonfotoAntarctica” è un viaggio sonoro lungo l'inquieta atmosfera glaciale e l'oscurità di un paesaggio estremo, poco meno di venticinque minuti che ci trascinano fra la pace annichilente del nulla, del buio e l'angosciosa paura di tempeste assolute che sembrano non finire mai, fra lo stupore per i giochi di luce e la rinascita annunciata dai primi raggi di sole. Musicalmente Stas Neilyk utilizza i synth per evocare i grandi e turbinosi spazi, mentre le chitarre, dal suono gelido ed emotivamente distaccato, di chiara derivazione shoegaze, si perdono in implacabili drones ipnotici. Un esperimento riuscito fra shoegaze e ambient, con incursioni in sonorità post rock e noise.

 

Voto: 7/10
Ignazio Gulotta

Social     Silber Records    


Audio

Video

Inizio pagina